Indietro

ⓘ Enneakrounos




Enneakrounos
                                     

ⓘ Enneakrounos

La fontana Ennéacrounos, identificata anche come la fontana di sud-est, è una fontana monumentale dellagorà di Atene, datata alla fine del VI secolo, costruita durante il regno di Pisistrato.

Chiamata in origine Kallirhoe, dal bel flusso, ad indicare un flusso abbondante di acqua, la fonte prende il nome di Enneakrunos ", dalle nove bocche, dopo la risistemazione edilizia e idraulica della città di Atene da parte di Pisistrato e dei suoi figli. Non si conosce esattamente la posizione di questa fonte, di cui si hanno varie testimonianze e ipotesi. Durante letà di Pisistrato emerge una forte diffusione divulgativa della creazione di un nuovo sistema idrico, moltissime hydriai, vasi destinati al trasporto dellacqua hanno delle raffigurazioni con fontane e scene di donne in prevalenza che si recano alla fonte.

                                     

1. Ipotesi sulla collocazione

La fonte di Sud-Est dellAgorà

La testimonianza di Pausania afferma che la fonte conosciuta come Enneakrunos si trovi nellagorà, conosciuta come la cosiddetta Fontana di Sud-est. Tuttavia gli studiosi non sono daccordo su questa ipotesi, in quanto la struttura rinvenuta alle pendici della collina dellAeropago non poteva ospitare un numero così elevato di bocche. È oggi visibile solo in negativo nellAgorà di Atene, difficilmente riconoscibile dietro la chiesa dei Santi Apostoli.

La fonte presso lIlisso

Più probabilmente la fontana passata alla storia come Enneakrunos è identificabile con i resti rinvenuti presso la valle del fiume Ilisso, dove sono stati rinvenuti due cisterne e un parapetto attribuibili ad una fontana Travlos 1971, p. 204. Questa ipotesi è suffragata dalla testimonianza di Tucidide, che appunto dice che la fonte si trovasse nella valle fluviale.