Indietro

ⓘ Telescopio di 3,6 metri dell'ESO




Telescopio di 3.6 metri dellESO
                                     

ⓘ Telescopio di 3.6 metri dellESO

Il telescopio di 3.6 metri dellESO è un telescopio riflettore ottico, con uno specchio del diametro di 3.6 m. Fa parte dellESO ed è situato allOsservatorio di La Silla, dove ha visto la prima luce il 7 dicembre 1976. Negli anni 70 era uno dei telescopi più grandi del mondo, e rappresentava la sfida europea nel costruire e gestire un telescopio di 3-4 metri di diametro nellemisfero sud. Negli anni esso è stato costantemente migliorato, includendo linstallazione di un nuovo specchio secondario nel 2004 e, soprattutto, laggiunta dello spettrografo HARPS; le modifiche hanno permesso di mantenere questo telescopio tra quelli più produttivi e contribuito a farlo rimanere unefficiente apparecchiatura di ricerca astronomica.

                                     

1. Risultati scientifici

Il telescopio ESO da 3.6 m ha fatto diverse scoperte scientifiche da quando ha visto la luce. Recenti risultati astronomici di elevato livello sono stati resi possibili dallo spettrografo HARPS, uno strumento "top-class". Questi includono laver trovato il pianeta extrasolare più leggero conosciuto al momento della scoperta, Gliese 581 e, che ha solo il doppio della massa della Terra, e il più ricco sistema planetario conosciuto al momento, Gliese 667, che al momento della scoperta risultava costituito da sette pianeti orbitanti attorno a una stella simile al Sole.

Il telescopio è stato anche coinvolto nella risoluzione di un mistero plurisecolare riguardante la massa delle stelle variabili Cefeidi. Usando lo strumento HARPS, gli astronomi hanno rilevato per la prima volta una stella doppia in cui una variabile Cefeide pulsante e unaltra stella passano luna di fronte allaltra, il che consente di misurare la massa della Cefeide. Lo studio ha concluso che la previsione di massa proveniente dalla teoria della pulsazione stellare era corretta mentre il valore calcolato era in contrasto con la teoria dellevoluzione stellare.

Il 24 aprile 2007 un gruppo di ricercatori diretto dallastronomo svizzero Stéphane Udry ha comunicato la scoperta del pianeta extrasolare Gliese 581 c. Il team ha utilizzato lo spettrografo HARPS del telescopio e ha utilizzato la tecnica della velocità radiale per identificare linfluenza del pianeta sulla stella.

Nel 2009, il telescopio è stato utilizzato per scoprire 75 candidati per i pianeti extrasolari e nel 2011 ne sono stati annunciati altri 50.