Indietro

ⓘ Storia dei mezzi corazzati




                                     

ⓘ Storia dei mezzi corazzati

Storia dei mezzi corazzati è una delle principali pubblicazioni strutturate in forma enciclopedica dedicate alla tecnica bellica moderna. È stata pubblicata in prima edizione nel 1976 dalla casa editrice Fratelli Fabbri Editori.

Realizzata in due distinte parti sotto la direzione di Benedetto Pafi, contiene testi - per la parte storica - di Cesare Falessi e dello stesso Pafi; la parte tecnica ha invece la firma di Nicola Pignato, considerato uno dei maggiori esperti italiani del settore.

La ricerca iconografica è stata affidata a Bruno Benvenuti mentre alle tavole tecniche, molto dettagliate e complesse, hanno contribuito Massimo Jacoponi, Michele e Angelo Jocca, Nicola Pignato, Danilo Renzulli e Claudio Tatangelo.

                                     

1. Struttura

La prima parte dellopera, centrata su temi strettamente tecnici, consta di tre volumi dedicati alla storia dei mezzi corazzati, dalle origini al 1918; la seconda dal 1918 al 1941, la terza dal 1941 al 1976 epoca in cui erano ancora prototipi lM1 Abrams e il Leopard 2. Vengono descritte le principali battaglie, gli sviluppi tecnici e operativi in cui sono state coinvolte le truppe corazzate.

La seconda parte, che vede i testi di Nicola Pignato corredati dalle tavole tecniche, comprende altri tre tomi, grosso modo con la stessa ripartizione cronologica ma con lattenzione ai mezzi in sé; questa serie di monografie tratta di autoblindo, treni armati e, naturalmente, carri armati.

Ogni volume si compone di 240 pagine. La prima edizione ; la seconda 1977 fu diversamente strutturata. Ladaption française Hachette, 1980-81 riguardò - come quella in lingua inglese - i soli Profili.

Rimasta probabilmente lunica opera italiana del settore, e sicuro punto di riferimento per gli appassionati e gli studiosi della materia, è unopera onnicomprensiva che ha unelevata cura tanto nei testi quanto nelle descrizioni tecniche. La ripartizione della parte storica è assai accurata specie riguardo al periodo interbellico, in cui pure molti progressi tecnici vennero portati a termine.

La parte che conclude lopera, ossia il terzo volume, è relativa agli sviluppi dei mezzi corazzati degli anni settanta, capaci di sparare in movimento, resistere alle granate HEAT e pesanti cinquanta ed oltre tonnellate, ovvero i carri tedeschi e americani.

Dopo la descrizione di numerose e cruenti battaglie combattute in sessantanni anni di guerre del XX secolo, le parole che concludono il lavoro sono unesortazione per il futuro: