Indietro

ⓘ Storia della radioprotezione




Storia della radioprotezione
                                     

ⓘ Storia della radioprotezione

La storia della radioprotezione comincia alla svolta tra il XIX e il XX secolo con la scoperta che le radiazioni ionizzanti e non ionizzanti da fonti radioattive naturali e artificiali possono avere un effetto nocivo sugli organismi viventi. È quindi anche la Storia dei danni da radiazioni.

Dopo che nel periodo iniziale i contatti con le sostanze radioattive, o meglio con i raggi X raggi Röntgen, avvennero in maniera avventata, la crescente consapevolezza dei pericoli delle radiazioni nel corso del XX secolo sfociò in tutto il mondo in misure di prevenzione, che condussero alle corrispondenti disposizioni di radioprotezione. Le prime vittime furono i radiologi, che entrarono nella storia della medicina come "martiri" del progresso radiologico. Molti di loro a causa dei danni da radiazioni dovettero subire amputazioni o morirono di malattie tumorali. Gli usi di sostanze radioattive nella vita di tutti i giorni erano considerati "chic". A poco le conseguenze per la salute furono conosciute, le loro cause furono indagate e la consapevolezza della necessità di misure di protezione acuita. Un cambiamento decisivo avvenne dopo i lanci delle bombe atomiche nella Seconda guerra mondiale. Sempre più si riconobbero anche le conseguenze dei "raggi cosmici" naturali, gli effetti di sostanze radioattive che sono presenti nellambiente come il radon e il radio nonché i possibili danni per la salute delle radiazioni non ionizzanti. In tutto il mondo furono elaborate e introdotte misure di protezione, furono sviluppati strumenti per il monitoraggio nonché emanate leggi e disposizioni per la radioprotezione.

Nel XXI secolo le disposizioni sono soggette a un crescente irrigidimento. In particolare, i valori limite ammessi per lintensità delle radiazioni ionizzanti subiscono correzioni più ampie verso valori minori. Anche il concetto della radioprotezione è tradotto in modo più ampio, contiene ormai anche prescrizioni per i contatti con le radiazioni non ionizzanti.

In Italia la legislazione disciplina la radioprotezione della popolazione e dei lavoratori con il decreto legislativo n. 230 del 1995 e s.m.i. e la radioprotezione del paziente con il decreto legislativo n. 187 del 2000.

Per la protezione dei lavoratori e della popolazione, invece, i datori di lavoro devono avvalersi di un esperto qualificato e di un medico competente o di un medico autorizzato, responsabile della sorveglianza medica dei lavoratori esposti.

                                     

1. Raggi X

Una pericolosità dei raggi X fu a lungo ignorata e la radioprotezione trascurata. Unesposizione alle radiazioni è facilmente relativizzata, prendendo come valore orientativo il livello di radiazioni naturali mediamente 2.1 millisievert allanno. Lesposizione aggiuntiva media per le radiazioni artificiali ammonta a circa ulteriori 2 millisievert allanno. Si fanno paragoni, ad esempio su quanto sia basso un livello di radiazioni come questo paragonato a quello a cui ci espone durante un soggiorno in montagna o in un volo.

Raggiungere un valore indicativo o limite, significa tuttavia solo introdurre un rischio socialmente ancora accettato. Tali paragoni minimizzano le conseguenze per la salute di unesposizione alle radiazioni, perché non considerano leffetto cumulativo di tutti i livelli di radiazioni, ai quali il singolo è complessivamente esposto. Fondamentale in tutti i livelli di radiazioni artificiali è osservare il principio ALARA inglese As Low As Reasonably Achievable: il livello di radiazioni deve essere il più basso che sia ragionevolmente raggiungibile. Sulla base di questo principio, le dosi limite furono successivamente corrispondentemente corrette verso il basso.

                                     

1.1. Raggi X Prime conseguenze delle radiazioni

La scoperta dei raggi X da parte di Wilhelm Conrad Röntgen 1845–1923 nel 1895 portò a estesi esperimenti da parte di scienziati, medici e inventori. I primi apparecchi a raggi X producevano per la generazione di immagini spettri di radiazioni assai sfavorevoli con una dose sulla pelle estremamente alta. Nel febbraio del 1896 John Daniel e William Lofland Dudley 1859–1914 dellUniversità Vanderbilt condussero un esperimento, nel quale fu fatta una radiografia alla testa di Dudley, ciò che portò alla caduta dei capelli. Herbert D. Hawks, un laureato dellUniversità della Columbia, subì gravi ustioni alla mani e al petto durante un esperimento dimostrativo con i raggi X. Questi fatti furono riportati nelle riviste specializzate su ustioni e caduta dei capelli. Così Nikola Tesla 1856–1943 fu uno dei primi ricercatori in Electrical Review del 5 maggio 1897 ad ammonire in modo del tutto esplicito contro il potenziale pericolo dei raggi X - dopo che ancora allinizio li aveva considerati assolutamente privi di rischi. Egli stesso dovette subire massicci danni da radiazioni al proprio corpo dopo i suoi esperimenti. Tuttavia ancora in questo periodo vari medici affermavano che i raggi X non avevano alcun effetto sulluomo. Ancora fino agli anni 1940 le attrezzature a raggi X venivano fatte funzionare senza alcuna precauzione.

Allo stesso Röntgen il destino degli altri utilizzatori dei raggi X fu risparmiato da unabitudine. Egli portava continuamente in giro con sé nella tasca le lastre fotografiche non impressionate, e si accorse che queste venivano impressionate se durante lesposizione alla radiazioni rimaneva nello stesso spazio. Così durante lesecuzione delle radiografie usciva regolarmente dalla stanza.

Luso dei raggi X nella diagnosi dellodontologia fu reso possibile dal lavoro pionieristico di C. Edmund Kells 1856–1928, un dentista di New Orleans, che lo sperimentò già nel luglio del 1896 davanti a dentisti ad Asheville Carolina del Nord. Kells commise suicidio dopo una lunga storia di malattia per il cancro causato dalle radiazioni. Gli era stato amputato un dito dopo laltro, più tardi lintera mano, seguita dallavambraccio e poi dallintero braccio.

Otto Walkhoff 1860–1934, uno dei più eminenti dentisti tedeschi della storia, effettuò parimenti nel 1896 radiografie in autoesperimento ed è ritenuto un pioniere della radiologia odontoiatrica. Egli definì il tempo di esposizione necessario di 25 minuti "come una tortura". Lordine dei medici di Brunswick lo incaricò in seguito dellistituzione e della supervisione di un reparto radiologico centrale. Egli sperimentò contemporaneamente su sé stesso nel 1898 – quindi nellanno dopo la scoperta del radio – limpiego del radio in medicina con luso di una quantità oggi inimmaginabile di 0.2 g di bromuro di radio. Walkhoff osservò che i topi che erano esposti a radiazioni di radio, morivano significativamente più tardi di un gruppo di confronto di topi non trattati. Egli diede inizio in tal modo allo sviluppo della ricerca sulle radiazioni per il trattamento dei tumori.

Il radiologo armeno-americano Mihran Krikor Kassabian 1870–1910, vicepresidente dellAmerican Roentgen Ray Society ARRS, si occupò degli effetti stimolanti dei raggi X. In una pubblicazione menzionò i problemi crescenti con le sue mani. Benché Kassabian riconoscesse i raggi X come causa, evitò di fare questo collegamento per non ostacolare il progresso della radiologia. Nel 1902 subì una grave ustione da radiazioni alla mano. Sette anni più tardi la mano diventò necrotica e gli furono amputate due dita della mano sinistra. Kassabian tenne un diario e fotografò la sua mano, quando i danni ai tessuti andarono avanti. Morì nel 1910 per le conseguente del tumore.

Molti dei primi ricercatori sui raggi X e sulla radioattività entrarono nella storia come "martiri della scienza". Sarah Zobel dellUniversità del Vermont nel suo articolo The Miracle and the Martyrs italiano: Il miracolo e i martiri richiama lattenzione su un banchetto, che fu celebrato in onore di molti pionieri dei raggi X nel 1920. Aveva pollo per cena: "Poco dopo che fu servito da mangiare, si poteva vedere che alcuni dei partecipanti non erano nella condizione di godersi il pasto. Dopo anni di lavoro con i raggi X molto partecipanti avevano perso le dita o la mano a causa dellesposizione alle radiazioni e non potevano tagliarsi la carne." Il primo americano che morì a causa dellesposizione alle radiazioni fu Clarence Madison Dally 1845–1904, assistente di Thomas Alva Edison 1847–1931. Edison cominciò quasi immediatamente ad esaminare i raggi X dopo la scoperta di Röntgen e delegò questi compiti a Dally. Nel corso del tempo Dally per via dei danni da radiazioni dovette sottoporsi a oltre 100 operazioni alla pelle. Alla fine dovettero essergli amputate entrambe le braccia. La sua morte indusse Edison nel 1904 a rinunciare a ogni ulteriore ricerca sui raggi X.

Tra i pionieri fu annoverato anche laustriaco Gustav Kaiser 1871–1954, al quale nel 1896 riuscì la radiografia di un doppio dito con 1½–2 ore di tempo di esposizione. Anche egli a causa della scarsa conoscenza ebbe danni da radiazioni delineati nelle mani e perse parecchie dita e la mano destra. I suoi lavori furono tra laltro la base per la costruzione dei grembiuli di gomma con piombo. Heinrich Albers-Schönberg 1865–1921, il primo titolare di cattedra per radiologia a livello mondiale, consigliò nel 1903 la protezione delle gonadi per i testicoli le ovaie. Egli fu in tal modo uno dei primi, che non solo difese le cellule germinali dai danni acuti da radiazioni, ma anche dalle piccole dosi di radiazioni, che possono cumularsi con il tempo e procurare danni postumi. Anche Albers-Schönberg morì a 56 anni in conseguenza dei danni dei raggi X.

Un monumento commemorativo della radiologia nel giardino dellOspedale di St. Georg ad Amburgo-St. Georg ricorda dal 4 aprile 1936 359 vittime di 23 paesi tra i primi utilizzatori medici dei raggi X.

                                     

1.2. Raggi X Primi avvertimenti

Nel 1896 lingegner Wolfram Fuchs, sulla base delle sue esperienze con numerose ricerche sui raggi X, raccomandò di mantenere il tempo di irradiazione il più breve possibile, di mantenere una distanza dal tubo e di coprire la pelle con la vaselina – questa fu la prima pubblicazione del genere a livello mondiale. I medici di Chicago William Fuchs e Otto Schmidt furono nel 1897 i primi utilizzatori che dovettero risarcire i danni da radiazioni a un paziente.

Il dentista William Herbert Rollins 1852–1929 pretese nel 1901 che durante il lavoro con i raggi X si indossasero gli occhiali protettivi con vetro di piombo, che il tubo a raggi X fosse circondato di piombo e che tutte le parti del corpo fossero coperte con grembiuli di piombo. Egli pubblicò oltre 200 articoli sui possibili pericoli dei raggi X, tuttavia le sue proposte furono per molto tempo ignorate. Un anno più tardi Rollins scrisse nella disperazione totale che i suoi avvertimenti sui pericoli legati ai raggi X non furono osservati tanto dallindustria quanto anche dai suoi colleghi. A questo punto Rollins aveva già provato che i raggi X potevano uccidere gli animali da laboratorio e causare aborti spontanei tra le cavie. I meriti di Rollins furono riconosciuti solo più tardi. Da allora entrò come il "padre della radioprotezione" nella storia della radiologia. Fu membro della Radiological Society of North America e suo primo tesoriere.

La radioprotezione si sviluppò ulteriormente attraverso linvenzione di nuovi apparecchi di misura come il cromoradiometro di Guido Holzknecht 1872–1931 nel 1902, il radiometro di Raymond Sabouraud 1864–1938 e Henri Noiré 1878–1937 negli anni 1904/05 nonché il quantimetro di Robert Kienböck 1873–1951 nel 1905. In tal modo poterono essere indicate le dosi massime, alle quali con maggiore probabilità non si manifestavano ancora mutamenti della pelle. Anche il radio venne incluso dalla British Roentgen Society, che nel 1921 pubblicò un primo memorandum, che era appunto orientato particolarmente alla protezione contro il radio.



                                     

1.3. Raggi X Pedoscopio

In molti negozi di scarpe in Nordamerica ed Europa già dagli anni 1920 furono installati pedoscopi, solo negli Stati Uniti più di 10.000, inventati da Jacob Lowe, un fisico di Boston. Si trattava di apparecchi radiologici per la verifica della comodità delle scarpe, che servivano alla promozione delle vendite di calzature, in particolare per i bambini. I bambini erano particolarmente affascinati dalla vista delle ossa del loro piede. La radiografia avveniva spesso più volte di seguito in un giorno, per valutare diverse scarpe riguardo alla loro comodità. Gli apparecchi per la maggior parte rimasero nei negozi di scarpe fino allinizio degli anni 1970. La dose di radiazioni assorbita dai clienti era fino a 116 rad, ciò che corrisponde a 1.16 gray. Negli anni 1950, quando già vi erano conoscenze mediche sui pericoli per la salute, furono applicati avvisi ai pedoscopi, secondo i quali gli acquirenti delle scarpe non dovevano farsi radiografare più di tre volte al giorno e di undici volte allanno.

Fino allinizio degli anni 1950 furono diffusi avvertimenti sui pericoli delluso continuato dei fluoroscopi che adattavano le scarpe da parte di una serie di organizzazioni professionali, ad esempio l American Conference of Governmental Industrial Hygienists, l American College of Surgeons, la New York Academy of Medicine e l American College of Radiology. Contemporaneamente il Distretto di Columbia emanò disposizioni secondo le quali i fluoroscopi per le scarpe potevano essere azionati solo da un fisioterapista abilitato. Un paio di anni più tardi lo stato del Massachusetts approvò disposizioni corrispondenti, in base alle quali quaeste macchine potevano essere gestite sono da un medico autorizzato. Nel 1957 in Pennsylvania per delibera del tribunale limpiego dei fluoroscopi che adattavano le scarpe fu vietato. Finché nel 1960 queste misure e la pressione delle compagnie di assicurazione portarono almeno negli Stati Uniti alla scomparsa del fluoroscopio per adattare le scarpe.

In Svizzera erano in funzione 1.500, a partire dal 1963 ancora circa 850 apparecchi radiografici per le scarpe, che in base a unordinanza del Dipartimento dellInterno elevetico del 7 ottobre 1963 dovevano essere controllati dalla schweizerischen elektrotechnischen Verein "Associazione elettrotecnica svizzera". Lultimo fu chiuso solo nel 1990.

In Germania un divieto degli strumenti fu emanato solo nel 1976. I bambini, gli adulti e il personale di vendita erano esposti senza controllo ai raggi X durante la radiografia nessuna lastra, ma servizio continuato, che continuava finché veniva premuto il pulsante di inserimento. I raggi X potevano inoltre passare indisturbati attraverso il semplice rivestimento di legno dello strumento. Se il pedoscopio stava nelle vicinanze della cassa, la cassiera era esposta a una esposizione alle radiazioni particolarmente alta, perché cumulata. Le conseguenze a lungo termine dei raggi X, per quanto riguarda sia i danni genetici sia anche la cancerogenità, oggigiorno somo note. Fino a che punto limpiego a livello mondiale del pedoscopio durante i decenni sia stato causa di conseguenze per la salute, non è tuttavia concretamente dimostrabile. Ad esempio è discussa una relazione diretta riguardo al carcinoma delle cellule basali del piede. Nel 1950 fu pubblicato un caso, nel quale a un indossatore di scarpe dovette per questo essere amputata una gamba.

                                     

1.4. Raggi X Radioterapia

Nel 1896 il dermatologo viennese Leopold Freund 1868–1943 usò per la prima volta i raggi X per il trattamento di una malattia. Egli irradiò con successo il bestrahlte mit Erfolg den nevo peloso di una giovane ragazza. Nel 1897 Hermann Gocht 1869–1931 rese pubblico radiotrattamento per la nevralgia del trigemino, e Aleksej Petrovič Sokolov 1854–1928 scrisse nella più antica rivista radiologica specializzata Fortschritte auf dem Gebiete der Röntgenstrahlen RöFo sulla radioterapia per lartrite infiammazione degli arti. Nel 1922 il trattamento con i raggi X per numerose affezioni e per la diagnostica era raccomandato come sicuro. La radioprotezione si limitava a dare raccomandazioni sulla dose, che dovevano soprattutto non produrre alcun eritema arrossamento della pelle. A titolo di esempio i raggi X furono promossi come alternativa alla tonsillectomia asportazione delle tonsille. Allo stesso modo ci si vantava che grazie ad essi nell80% dei casi riguardo ai portatori di difterite nel giro di due-quattro giorni il Corynebacterium diphtheriae non era più rilevabile. Il radiologo friburghese Günther von Pannewitz 1900–1966 perfezionò quella da lui detta radioterapia stimolante Röntgenreizbestrahlung riguardo alle affezioni degenerative negli anni 1930. Le radiazioni a dosaggio debole evitavano la reazione di infiammazione del tessuto. Fino al 1960 circa perciò malattie come il morbo di Bechterew o la tigna favosa micosi della testa furono trattate con i raggi X anche nei bambini, ciò che fu efficace, ma, decenni più tardi, ebbe come conseguenza accresciuti tassi di tumori tra i pazienti. Il patologo statunitense James Ewing 1866–1943 nel 1926 osservò per primo modificazioni ossee in seguito a una radioterapia, che denominò osteite da radiazioni oggi osteoradionecrosi. Nel 1983 Robert E. Marx stabiliì che losteoradionecrosi è una necrosi ossea asettica indotta dalle radiazioni. Si cerca di prevenire i processi infiammatori acuti e cronici di unosteoradionecrosi con la somministrazione di antinfiammatori steroidei. Oltre a ciò si raccomandano la somministrazione di pentossifillina e un trattamento antiossidante, ad esempio con superossido dismutasi e tocoferolo vitamina E.

                                     

2.1. Radioprotezione negli esami radiologici Premessa

Lecografia diagnostica ad ultrasuoni è una tecnica di generazione di immagini variamente e frequentemente utilizzata nella diagnostica medica. Gli ultrasuoni si utilizzano anche nella terapia. In questa si utilizzano tuttavia onde meccaniche e non radiazioni ionizzanti o non ionizzanti. La sicurezza dei pazienti è garantita se si rispettano i valori limite raccomandati per evitare la cavitazione e il surriscaldamento.

Anche nel caso di apparecchi funzionanti con campi elettromagnetici in radiofrequenza come la risonanza magnetica tomografica RMT non si utilizzano radiazioni ionizzanti. Nel 1973 la RMT fu sviluppata come tecnica per la generazione di immagini da Paul Christian Lauterbur 1929–2007 con contributi essenziali di sir Peter Mansfield 1933–2017. Qui esiste la possibilità che gioielli o borchie si riscaldino fortemente; tra laltro sui gioielli si esercita unelevata forza di trazione, ciò che nel caso più grave può portare alla lacerazione. Per evitare dolori e lesioni, i gioielli devono essere tolti prima, sempre che contengano metallo ferromagnetico. Pacemaker, sistemi di defibrillatori e grandi tatuaggi nella regione desame, che contengano pigmenti colorati metalliferi, possono riscaldarsi o anche causare ustioni della pelle fino al II grado o portare alla perdita di funzione dellimpianto.



                                     

2.2. Radioprotezione negli esami radiologici Riduzione delle radiazioni

Nel corso degli anni furono intrapresi sempre più sforzi per ridurre lesposizione alle radiazioni di terapisti e pazienti.

                                     

2.3. Radioprotezione negli esami radiologici Indumenti per la protezione dalle radiazioni

Dopo la conclusione di Rollins nel 1920, che i grembiuli di piombo proteggono dai raggi X, furono introdotti grembiuli di piombo con uno spessore di 0.5 mm. A causa del peso elevato in seguito furono sviluppati grembiuli senza piombo o a piombo ridotto. Nel 2005 fu riconosciuto che la protezione era a volte notevolmente inferiore rispetto a quando si indossavano i grembiuli di piombo. I grembiuli senza piombo contengono stagno, antimonio e bario, che possiedono la proprietà di svluppare in caso di irradiazione unintensa radiazione interna radiazione di fluorescenza a raggi X. In Germania il Comitato per le norme di radiologia ha ripreso il tema e ha introdotto una norma tedesca DIN 6857–1 nel 2009. Nel 2014 fu infine emanato lo standard internazionale IEC 61331-3:2014. I grembiuli di protezione, che non corrispondono alla DIN 6857–1 del 2009 o alla nuova IEC 61331–1 del 2014, possono comportare esposizioni superiori. Fondamentalmente ci sono le due classi di equivalenza del piombo 0.25 mm e 0.35 mm. Il produttore deve indicare il peso per unità di superficie in kg/m², al quale si ottiene leffetto protettivo di un grembiule di piombo puro di 0.25 o 0.35 mm di Pb. Leffetto protettivo di un grembiule deve essere adatto al campo di energia utilizzato, per i grembiuli a bassa energia fino a 110 kV e per i grembiuli ad alta energia fino a 150 kV.

Alloccorrenza devono essere usati anche occhiali con lenti di piombo, nei quali le lenti anteriori a seconda delluso devono possedere un valore piombo-equivalente di 0.5–1.0 mm di piombo, con un valore piombo-equivalente per la protezione laterale di 0.5–0.75 mm di piombo.

Per i pazienti indossare un grembiule di piombo durante leffettuazione di un ortopantomogramma OPG per unortopanoramica non è utile e forse persino dannoso, perché un grembiule indossato da un paziente può proteggere solo da radiazioni che provengono dallesterno. Ma la radiazione diffusa che si produce non si sviluppa o difficilmente si sviluppa allesterno del paziente, nellapparecchio o sui muri della stanza, bensì nella mandibola e si diffonde essenzialmente allinterno del corpo. Un grembiule di piombo può nel caso peggiore riflettere la radiazione diffusa e in tal modo impedirle di fuoriuscire nuovamente dallinterno del corpo. Ai sensi del Decreto raggi X in vigore nel 2018, tuttavia, si prescrive ancora di indossare un grembiule di piombo durante leffettuazione di un OPG.

                                     

2.4. Radioprotezione negli esami radiologici Schermi di rinforzo per raggi X

Nello stesso anno della scoperta dei raggi X Michele Idvorsky Pupin 1858–1935 inventò il metodo per mettere un foglio di carta rivestito di una sostanza fluorescente sulla lastra fotografica, e abbassare così drasticamente il tempo di esposizione necessario e quindi il livello di radiazioni. Avveniva un annerimento della pellicola dovuto per il 95% agli schermi di rinforzo e solo per il restante 5% direttamente ai raggi X. Thomas Alva Edison identificò come sostanza luminescente adatta il tungstato di calcio CaWO 4, che divenne rapidamente lo standard per gli schermi di rinforzo per raggi X. Negli anni 1970 il tungstato di calcio fu sostituito da schermi di rinforzo che intensificavano ancora di più e segnavano ancora più finemente, con sostanze luminescenti ossibromuro di lantanio attivato al terbio, ossisolfuro di gadolinio a base di terre rare. Luso di schermi di rinforzo nella fabbricazione di pellicole odontoiatriche non si è affermato a causa di perdite nella qualità dellimmagine. La combinazione con pellicole ad alta velocità ridusse ancora di più il livello di radiazioni.

                                     

2.5. Radioprotezione negli esami radiologici Griglie antidiffusione

Una griglia antidiffusione inglese Potter-Bucky grid, detta anche griglia radiografica è un dispositivo della tecnica radiologica, che si applica davanti al rivelatore diimmagine monitor, rilevatore o pellicola e riduce lincidenza della radiazione diffusa su questultimo. La prima griglia antidiffusione fu sviluppata nel 1913 da Gustav Peter Bucky 1880–1963. Il radiologo statunitense Hollis Elmer Potter 1880–1964 la migliorò e la integrò nel 1917 in unattrezzatura di movimento. Con luso delle griglie antidiffusione la dose delle radiazioni deve essere innalzata. Nei bambini si deve perciò, possibilmente rinunciare, allutilizzo delle griglie antidiffusione. Nella radiografia digitale si può a determinate condizioni rinunciare alla griglia, per ridurre il livello di radiazioni del paziente.

                                     

2.6. Radioprotezione negli esami radiologici Stecche antiradiazioni

Anche contro la radiazione diffusa, che si sviluppa nellambito della radioterapia contro i tumori nella regione testa-collo sulle parti metalliche della dentatura otturazioni, ponti e simili, possono essere necessarie misure di radioprotezione. Dagli anni 1990 sono impiegati come stecche antiradiazioni noti retrattori in tessuto morbido, per evitare o ridurre una mucosite, uninfiammazione della mucosa. È leffetto collaterale indesiderato e acuto più significativo. La stecca antiradiazioni è un distanziatore, che separa le mucose dai denti, così che in conformità alla legge del quadrato della distanza sulla mucosa la radiazione diffusa incidente viene ridotta. La mucosite, estremamente dolorosa, rappresenta la più grande menomazione della qualità di vita dei pazienti e limita spesso la radioterapia, per cui si riducono le possibilità di guarigione dal tumore. La stecca diminuisce le reazioni sulla mucosa orale, che tipicamente si sviluppano nel secondo e terzo di una serie di radioterapia e sono irrecersibili.