Indietro

ⓘ Michiko Hirayama




                                     

ⓘ Michiko Hirayama

Figlia di due avvocati, Michiko Hirayama crebbe in un ambiente di alto livello culturale e conobbe limportante musicista giapponese Fumio Hayasaka, che fu anche maestro di Tōru Takemitsu.

Studiò musica allUniversità delle arti di Tokyo, allAccademia di Santa Cecilia a Roma, allAccademia Chigiana di Siena e al Mozarteum di Salisburgo.

Nel 1957 si trasferì in Italia dove conobbe Domenico Guaccero e soprattutto leccentrico compositore Giacinto Scelsi, del quale eseguì numerosi lavori, tra cui il ciclo di lieder Canti del capricorno a lei dedicati.

Dotata di una vocalità "sporca", come lei stessa disse, aveva unestensione vocale di quattro ottave, e si dedicò spesso a lavori sperimentali e davanguardia.

Scrive Mario Gamba che aveva doti tecniche superlative al servizio di una visione eterodossa della musica e della vocalità ", del genere di Cathy Berberian, Gabriella Bartolomei, Sajncho Namčylak. Ancora a 82 anni, nel 2006, eseguì lintera serie dei Canti.

Oltre che con Scelsi, lavorò anche con Mauro Orselli, Mauro Tiberi e Luca Miti nel campo dellimprovvisazione, riguardo al quale diceva: "Mozart improvvisava! Schubert improvvisava! Webern improvvisava! Poi cè chi sa improvvisare e chi no".

Fra le sue allieve, Sabina Meyer.