Indietro

ⓘ Bi'ina




Biina
                                     

ⓘ Biina

Biina, o al-Bina è un centro abitato arabo del Distretto Settentrionale di Israele. È situato nella valle di Beit Hakerem, nel cuore della Galilea, a 22 km ad est di Acri. La popolazione, prevalentemente musulmana con una minoranza cristiana, nel 2016 contava 7 993 abitanti.

                                     

1. Storia

Nel 1517, lImpero ottomano guidato da Solimano il Magnifico spodestò i Mamelucchi e prese il controllo del villaggio. In origine, il villaggio era stato fondato da una famiglia di nome Baana, in fuga dalla città di Deir al-Asad.

Nel 1596, il villaggio aveva una popolazione di 16 famiglie musulmane e 15 famiglie cristiane melchite e ortodosse. Gli abitanti pagavano tasse su grano, orzo, olive, cotone, capre e alveari. La prima mappa descrittiva di El Bena risale al 1799 e fu creata da Pierre Jacotin durante linvasione di Napoleone. Lo studioso francese Victor Guérin nel 1870 scrisse che la popolazione era divisa fra drusi e cristiani greco-ortodossi. Nel villaggio erano presenti una moschea e una chiesa greca, entrambe costruite sui siti di chiese più antiche.

Alla fine del XIX secolo, il villaggio fu descritto come un insediamento di 300 musulmani e 100 cristiani, circondato da ulivi, seminativi, e una sorgente dacqua. Nel censimento della Palestina del 1922, condotto dalle autorità del mandato britannico, Al Bana aveva una popolazione di 518 abitanti: 311 musulmani e 207 cristiani ortodossi. Nel 1945, si contavano 830 abitanti, 530 musulmani e 300 cristiani, i quali possedevano 14 839 dunam privati terreni di circa 1000 m² mentre 57 dunam erano pubblici. La maggior parte dei dunam 5 543 erano terreni coltivati a cereali; 1 619 dunam erano piantagioni o terreni irrigabili, e 57 dunam erano terreni urbani edificati.

Il 10 aprile 1948 la Banda Stern israeliana, di matrice terrorista, distrusse parti del villaggio uccidendo i civili ivi residenti. Durante lOperazione Hiram, nellottobre del 1948, il villaggio si arrese allesercito israeliano in avanzata. Molti abitanti fuggirono in Libano, alcuni furono catturati e condotti nel campo di lavoro di Nahalal, mentre ad altri fu concesso di restare e non furono espulsi. Il villaggio rimase sotto la legge marziale fino al 1966.

In seguito a unespansione demografica, nel 1976 il villaggio diventò consiglio locale. Nel 1981, fu creato un quartiere beduino, popolato da membri della tribù Sawaed di Rameh. Per cinque anni, dal 2003 al 2008, Biina si fuse con Majd al-Krum e Deiral-Asad per formare la città di Shaghur. In seguito, il consiglio di Shagur si sciolse e Biina tornò ad essere un comune singolo.