Indietro

ⓘ Musicoterapia




Musicoterapia
                                     

ⓘ Musicoterapia

La musicoterapia è una modalità di approccio alla persona che utilizza la musica o il suono come strumento di comunicazione non-verbale, per intervenire a livello educativo, riabilitativo o terapeutico, in una varietà di condizioni patologiche e parafisiologiche.

                                     

1. Definizione

La World Federation of Music Therapy Federazione Mondiale di Musicoterapia ha dato nel 1996 la seguente definizione: La musicoterapia è luso della musica e/o degli elementi musicali da parte di un musicoterapeuta qualificato, con un utente o un gruppo, in un processo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, lapprendimento, la motricità, lespressione, lorganizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive. La musicoterapia mira a sviluppare le funzioni potenziali e/o residue dellindividuo in modo tale che questi possa meglio realizzare lintegrazione intra- e interpersonale e consequenzialmente possa migliorare la qualità della vita grazie a un processo preventivo, riabilitativo o terapeutico."

La WFMT nel 1999 nel congresso mondiale di Washington ha validato la documentata scientificità di cinque modelli clinici:

  • La BMT detta anche Musicoterapia Comportamentale, teorizzata da Clifford Madsen, si è sviluppata particolarmente negli USA ed ancora costituisce negli Stati Uniti il modello principale di intervento musicoterapico. È un metodo che predilige l’uso della musica come rinforzo contingente o come stimolo per aumentare o modificare comportamenti adattivi o eliminare comportamenti distorti. Il Musicoterapeuta Comportamentista utilizza tecniche di sensibilizzazione, desensibilizzazione, condizionamento, rilassamento.
  • Il modello BENENZON, che propone una concezione della musicoterapia come" disciplina che utilizza il suono e il movimento per provocare effetti regressivi ”. Questa premessa rivela che alla base della concezione della musicoterapia di Omar Benenzon musicista e psicologo argentino vi sono presupposti teorici di tipo psicoanalitico. Benenzon considera la musicoterapia una disciplina paramedica, che trova le sue basi scientifiche nellambito clinico e terapeutico. Il principio sostanziale del metodo ISO consiste nel rispecchiamento del paziente da parte dell’operatore e nella apertura di un canale di comunicazione di livello regressivo e di natura squisitamente sonora. Il musicoterapeuta dovrà sfruttare i canali di comunicazione aperti precedentemente, dovrà elaborare un’ipotesi sull’ISO Identità Sonora del paziente e tentare una integrazione con la produzione sonora proposta dallo stesso.
  • La Musicoterapia Analiticamente Orientata, che consiste in uno sviluppo di quella che inizialmente era chiamata "Musicoterapia Analitica". Il modello, elaborato dalla violinista Mary Priestley negli anni 70, pone le proprie basi nella psicoterapia analitica di stampo junghiano. Il metodo è da lei definito come segue:" Musicoterapia analitica è il nome che è prevalso dalluso simbolico, orientato analiticamente, di musica improvvisata dal musicoterapeuta e dal paziente”. È utilizzata come mezzo creativo per esplorare la vita interiore del paziente in modo da disporre di una via verso la crescita ed una maggiore auto-conoscenza.
  • Il metodo GIM, che è stato elaborato da Helen Bonny agli inizi degli anni settanta. Esso utilizza la potenzialità della musica come evocatrice d’immagini e come strumento di esplorazione allinterno della coscienza. Bonny ritiene che la musica possegga la capacità di entrare a fondo nella coscienza per modificare la condizione fisica, emozionale, intellettuale e spirituale. I trattamenti consistono in unesplorazione di sé centrata sulla musica ed utilizza specifici programmi musicali per stimolare e sostenere l’apertura dinamica di esperienze interiori, offrendo alle persone la possibilità di integrarle.
  • La Musicoterapia creativa di Paul Nordoff e Clive Robbins, un musicista ed uno psicopedagogista inglesi, che hanno imposto un loro metodo rivolto a bambini affetti da disturbi lievi e gravi di apprendimento inclusa la sindrome di Down, a pazienti affetti da autismo, a pazienti affetti da disabilità psico-fisiche, a pazienti affetti da disturbi dell’udito. Questo metodo, di marcata matrice educativo-pedagogica, prevede una seduta di gruppo in cui si imparano diversi ritmi per aiutare i movimenti del corpo e la coordinazione. La musica" suonata”è collocata al centro dell’esperienza le risposte musicali costituiscono il materiale principale per l’analisi e per l’interpretazione.
                                     

2. Principi

I principi base della pratica musicoterapeutica sono:

  • il paziente è parte attiva della terapia;
  • la centralità del rapporto di fiducia e laccettazione incondizionata rispetto al paziente;
  • stabilimento di un legame tra il musicoterapeuta e il paziente grazie al suono.
  • scambio reciproco di proposte tra paziente e musicoterapeuta;
  • ladattamento e la personalizzazione della tecnica volta per volta;

Il musicoterapeuta è quindi un mezzo attraverso il quale un paziente si apre e "tira fuori" le proprie emozioni.

La musica dà alla persona malata la possibilità di esprimere e percepire le proprie emozioni, di mostrare o comunicare i propri sentimenti o stati danimo attraverso il linguaggio non-verbale.

Tipico è il caso degli individui affetti da autismo, cioè individui che sono in una condizione patologica, per cui tendono a rinchiudersi in sé stessi rifiutando ogni comunicazione con lesterno. La musica dunque permette al mondo esterno di entrare in comunicazione con il malato, favorendo linizio di un processo di apertura.

Il tecnico di musicoterapia deve prestare attenzione a non sovrapporsi con il suo operato ad altre figure professionali al fine di evitare conflittualità operative nelléquipe; in particolare il tecnico di musicoterapia non possiede gli elementi formativi per interpretare la comunicazione sonora sotto il profilo psicoterapico, ma essenzialmente sotto il profilo cognitivo-parametrico. Per quanto riguarda laspetto riabilitativo il tecnico di musicoterapia può operare allinterno di una équipe nella quale siano presenti le figure sanitarie responsabili.

                                     

3. Cenni storici

Luso della musica a scopi terapeutici è documentato in numerose civiltà dal mondo antico ad oggi, prevalentemente allinterno di un modello di pensiero magico-religioso o sciamanico. Il concetto di musicoterapia come disciplina scientifica si sviluppa solo allinizio del secolo XVIII: il primo trattato di musicoterapia risale alla prima metà del Settecento a cura di un medico musicista londinese, Richard Brocklesby. I primi esperimenti di musicoterapia in Italia furono attuati nel Morotrofio di Aversa a partire dal 1843 da parte di Biagio Gioacchino Miraglia.

Una figura professionale di tipo sanitario o sociosanitario è gestita dal Ministero della Salute ed una professione sanitaria non può essere riconosciuta da un corso privato o pubblico, nemmeno da un corso universitario, essendo sottoposta alle regole costituzionali ed ai codici penale e civile. Attualmente la richiesta di alcune associazioni di utilizzazione della legge 4 del 2013 non è evadibile in quanto quella legge esclude categoricamente ogni ambito clinico.

Se relativamente alla professione lo Stato Italiano non si è ancora espresso, qualche cosa si muove invece dal punto di vista della formazione. Con il Decreto Ministeriale 8 ottobre 2008 n.629 è stata autorizzata lattivazione di un corso accademico sperimentale di primo livello presso il Conservatorio di Pescara e successivamente, con il Decreto Ministeriale 23 novembre 2005 prot. n. 484/2005 il MIUR ha dato il via libera per la sperimentazione di un Diploma Biennale di Specializzazione in" Musicoterapia” presso due Conservatori: il Conservatorio di Verona ed il Conservatorio dellAquila.

Con D.M. 3 nov 2011 n. 164 è stato autorizzato il "Biennio sperimentale di specializzazione in Musicoterapia" Laurea Magistrale presso il Conservatorio di Musica "Girolamo Frescobaldi" a Ferrara. Lo studio ed il tirocinio al Biennio sono svolti con particolare riferimento alla Musicoterapia applicata alla Neuroriabilitazione. Le lezioni si svolgono presso il Dipartimento di Neuroscienze/Riabilitazione - Settore Medicina Riabilitativa" San Giorgio” di Ferrara.

In lingua italiana si è cercato più volte di dare valenze diverse ai termini musicoterapeuta e musicoterapista, differenza che in altre lingue non esiste.



                                     

4. Modelli

Poiché sostanzialmente la musicoterapia è una modalità di approccio alla persona, si configureranno ambiti diversi di applicazione della metodica a seconda che lutente sia singolo o gruppo, paziente o discente. Unulteriore moltiplicazione dei modelli musicoterapici si avrà poi in relazione alle finalità che si vogliono perseguire. Nella attuale fase di ricerca nella disciplina emergente si può parlare di musicoterapie più che di musicoterapia.

Storicamente possiamo distinguere la musicoterapia attiva suonare da quella recettiva ascoltare, ma è una discrezione limitata, poiché lo stesso metodo può cambiare a seconda dellapplicativo.

Si può invece evidenziare una più precisa differenza tra le Scuole in base al core dintervento che può essere psicoanalitico, psicosomatico, somatico.

  • Scuole a impianto somatico In questi casi lutente è un singolo e si tratta di un paziente. Il fine è terapeutico.
  • Musicoterapia umanistica.
  • Scuole a impronta psicoanalitica Lutenza è costituita da singoli o gruppi. Il fine è sviluppare gli aspetti sociali della persona.
  • Scuole dimpianto psicosomatico Lutenza è costituita da singoli o gruppi. Spesso, ma non solo, bambini, anziani e disabili mentali. Il fine è sviluppare o mantenere le capacità cognitive, espressive e di apprendimento, orientamento e coordinamento motorio.
                                     

5. Campi di applicazione

La musicoterapia può essere utilizzata a vari livelli, quali linsegnamento, la riabilitazione o la terapia.

Per quanto riguarda la terapia e la riabilitazione, gli ambiti di intervento riguardano preminentemente la neurologia e la psichiatria:

  • disturbi somatoformi in particolare sindromi da dolore cronico
  • disturbi dellumore
  • ritardo mentale
  • disturbi del comportamento alimentare anoressia nervosa
  • morbo di Parkinson
  • morbo di Alzheimer ed altre demenze
  • psicosi
  • disabilità motorie
  • autismo infantile

In ogni caso, gli interventi di tipo clinico rimangono di esclusiva competenza degli esercenti le professioni sanitarie.

Lo studio della musica in medicina è un campo sempre più in via di sviluppo che in passato è stato largamente indirizzato allutilizzo della musica come terapia complementare. Sempre più interesse si è concentrato sulla comprensione dei meccanismi fisiologici che sottostanno agli effetti della musica e sulla capacità di essa nel modulare le risposte metaboliche. La ricerca ha stabilito un ruolo della musica nella regolazione dellasse ipotalamo-ipofisario, del sistema nevoso autonomo, del sistema immunitario, che hanno, a loro volta, un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo e del bilancio energetico. Scoperte più recenti hanno dimostrato un ruolo della musica nel recupero metabolico dallo stress, nella motilità gastrica ed intestinale, nella modulazione dei sintomi gastrointestinali legati al cancro, e nellaumento del metabolismo lipidico e della clearance dellacido lattico durante lesercizio e il recupero dopo lo sforzo.

                                     
  • Lemmensinstituut ha la reputazione di offrire uno dei migliori corsi di laurea in Musicoterapia in Europa. Il corso di studi di Pedagogia musicale dell istituto è ben
  • italiana Mario Corradini maestro di Giovanni Allevi, teorico della musicoterapia Matteo Corradini 1975 scrittore italiano Matteo Corradini comico
  • dell animazione sono stati il dibattito, il giornale murale, i testi teatrali, la musicoterapia la ludocoreografia, l animazione teatrale e grafica, l animazione dei
  • ad incisioni di musica sacra, canzoni tradizionali, cd didattici e musicoterapia L Antoniano production gestisce una stazione radio, Radio Tau e una
  • Application to the Care of Disease il primo trattato nella storia della musicoterapia opera nella quale non si limitò a comparare le vecchie e nuove tecniche
  • musica new age con l obbiettivo di curare i pazienti attraverso la musicoterapia Ha partecipato a vari festival e manifestazioni quali il Festival chitarristico
  • Parallelamente all attività di musicista, si cimentò nello studio della musicoterapia mettendo a punto una propria forma terapeutica, chiamata Das Alphabet
  • musicale, canto corale e pianoforte a Pontassieve. Si occupa anche di musicoterapia Festival delle Rose 1964: Se mi lascio baciare Festival delle Rose
  • biomusica e un musicologo italiano. È stato uno dei pionieri della musicoterapia materia da lui trattata fin dal primo congresso internazionale di musica

Anche gli utenti hanno cercato:

musicoterapia bambini, musicoterapia benefici, musicoterapia come si fa, musicoterapia pdf, musicoterapia psicologia,

...
...
...