Indietro

ⓘ Juventus Football Club 2018-2019




Juventus Football Club 2018-2019
                                     

ⓘ Juventus Football Club 2018-2019

Lestate 2018 segna, sul piano immobiliare, un ulteriore tassello del J-Village, con la squadra che dal 9 luglio sinsedia nel nuovo Juventus Training Center alla Continassa. Nel corso della stagione il club va inoltre incontro a un corposo riassetto dirigenziale, con il termine del mandato del direttore generale Giuseppe Marotta e linstaurazione di una nuova governance che vede, tra le altre cose, un più rilevante ruolo per il direttore sportivo Fabio Paratici.

Sul versante calcistico, la campagna acquisti estiva si rivela tra le più movimentate della storia bianconera. Già alle prese con gli addìi a due bandiere quali Buffon e Marchisio, la Juventus opta per un robusto ricambio della rosa, che vede le partenze di vari protagonisti degli anni precedenti come Lichtsteiner, Asamoah e Higuaín. A sostituirli, tra i nuovi arrivi spicca su tutti il fuoriclasse portoghese Cristiano Ronaldo, prelevato versando nelle casse del Real Madrid la cifra di 100 milioni di euro - il più costoso trasferimento nella storia del calcio italiano. Arrivano a Torino anche il portiere Perin, lesterno lusitano João Cancelo e il mediano tedesco Emre Can, mentre fanno ritorno in bianconero due prodotti del vivaio, il terzino Spinazzola e lattaccante Kean, e soprattutto lex Bonucci, questultimo dopo la rumorosa separazione di appena dodici mesi prima, nellambito di uno scambio con il Milan che porta Caldara in rossonero.

Inserita da testa di serie nellultimo girone della Champions League, la formazione bianconera offre buone performance tanto in campionato - dove consegue 8 vittorie consecutive iniziali - che in Europa, conquistando 9 punti nelle prime tre uscite. La qualificazione alla knockout phase di coppa viene assicurata in anticipo, mentre il primato in campionato non è mai messo in discussione. Terminato al primo posto il raggruppamento continentale, davanti al Manchester United, la Vecchia Signora incamera il titolo dinverno con ben 53 punti allattivo: a conferire maggior risalto al traguardo è limbattibilità stagionale, già registrata nel campionato 2011-12 seppur con un quantitativo inferiore di punti.

Nel mese di gennaio, i sabaudi cominciano il proprio percorso in Coppa Italia eliminando il Bologna negli ottavi di finale. Dopo aver conquistato in Arabia Saudita - per scelta della FIGC di far disputare la gara in campo neutro - lottava Supercoppa italiana a danno del Milan, lundici di Allegri viene estromesso dallAtalanta nel secondo torneo nazionale. La fase ad eliminazione diretta della Champions League abbina invece i bianconeri allo spagnolo Atlético Madrid, vincitore dellEuropa League nel 2017-18. Il confronto di andata, al quale i piemontesi giungono dopo aver consolidato ulteriormente un già rassicurante primato in campo nazionale, vede gli iberici imporsi per 2-0. Ipotecato il titolo nazionale già a marzo, la Juventus affronta il retour match con maggior convinzione: una tripletta di Ronaldo ribalta infatti lesito, spingendo i bianconeri ai quarti di finale. La domenica seguente, il knock-out sul campo del Genoa costa invece linterruzione di unimbattibilità che in massima serie era iniziata il 22 aprile 2018 quando la formazione cedette in casa al Napoli. Il cammino europeo si conclude nel turno successivo, quando un outsider rappresentata dallolandese Ajax ha la meglio sui campioni dItalia pareggiando in casa 1-1 per poi imporsi di misura in trasferta.

Subito dopo leliminazione dalla coppa, la Juventus si aggiudica con 5 giornate di anticipo lo Scudetto superando la Fiorentina per 2-1. Laffermazione sui viola nega infatti al Napoli - unica rivale, almeno teorica, dei sabaudi in questo torneo - la matematica possibilità di arginare il distacco, risultato di 11 punti a fine campionato 90 contro 79. Al termine della stagione, dando credito a voci della stampa che annunciavano un imminente divorzio, Allegri comunica ufficialmente laddio ai colori bianconeri. Il tecnico toscano si congeda da Madama dopo 5 stagioni, nobilitate dalla vittoria di altrettanti titoli che gli consentono di superare - in tal senso - Carlo Carcano, allenatore bianconero degli anni 30.

                                     

1. Maglie e sponsor

Il fornitore tecnico per la stagione 2018-2019 è adidas, al quarto anno con i bianconeri; sponsor principale è Jeep, al settimo anno con i torinesi, mentre back sponsor per le competizioni nazionali è Cygames, al secondo anno con la squadra piemontese.

La prima divisa appare tra le più originali e innovative nella storia del club: la maglia vede una netta predominanza del bianco sul nero, con solo due grandi pali neri nella parte frontale e addirittura uno in quella posteriore, questultimo peraltro interrotto da uno spazio bianco che ingloba nomi e numeri in nero; alla casacca sono abbinati pantaloncini e calzettoni bianchi, con le sole three stripes adidas a contrasto. Per le trasferte è a disposizione una seconda divisa contraddistinta dalla tonalità "pastel sand", con maglia e calzettoni sesamo inframezzati da pantaloncini argilla, e una terza divisa marchiata adidas Parley, colorata in gradazioni di grigio e con dettagli in giallo fluo. In occasione degli ultimi tre incontri di campionato, giocati rispettivamente contro Roma, Atalanta e Sampdoria, la Juventus scende in campo con la divisa casalinga della stagione 2019-2020.

Per i portieri sono disponibili quattro divise, contraddistinte sul busto da una grafica irregolare e tono su tono, in varianti verde, azzurro, rosso e arancione. Similmente con quanto avvenuto con i calciatori di movimento, anche i portieri juventini scendono eccezionalmente in campo sul finire dellannata con la divisa della stagione 2019-2020.

                                     

2. Statistiche

Andamento in campionato

Fonte: Serie A – Classifica, su legaseriea.it. Legenda: Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

                                     

3. Giovanili

Organigramma

Area sportiva

  • Football Department Organization Manager: Paolo Morganti
  • Academy Manager: Massimiliano Scaglia

Area tecnica

Piazzamenti

  • Campionato: fase a gironi
  • Coppa Italia: quarti di finale
  • UEFA Youth League: play-off
  • Primavera
  • Campionato: quarti di finale
  • Under-17
  • Future Cup: vincitrice
  • Campionato: semifinale
  • Under-16
  • Under-15
  • Campionato: play-off