Indietro

ⓘ Categoria:Fantasie




                                               

Capriccio italiano (Čajkovskij)

Čajkovskij passò una vacanza di alcune settimane in Italia tra il 1879 ed il 1880 visitando i luoghi più ameni della penisola. Soggiornò a Firenze, Roma, Napoli, Venezia e da ognuno di questi luoghi colse qualcosa di particolare che gli rimase enormemente impressa. Scrivendo in quei giorni allamica von Meck, le confiderà che erano dei luoghi incantevoli, ove non esisteva né la pioggia né la neve, ma era come stare in posti mai sognati: la musica, le danze, le feste e tutto contornato da uno splendido scenario tutto sempre illuminato dal sole. Ed ecco che nasce questa bellissima pagina, que ...

                                               

Capriccio spagnolo

Capriccio spagnolo, op.34, è una composizione per orchestra sinfonica di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov del 1887, basata su tipiche melodie spagnole. Lidea originale del compositore era di comporre il pezzo per violino solista ed orchestra, ma alla fine decise di comporre solo per orchestra per migliorare la qualità delle melodie.

                                               

Dante Sonata

Après une lecture du Dante: Fantasia quasi Sonata è una sonata in un movimento, composta da Franz Liszt nel 1849. Lopera è ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri. È stata pubblicata per la prima volta nel 1856 come parte del secondo volume degli Années de pèlerinage. Viene considerata uno dei brani più difficili del repertorio pianistico.

                                               

Dodici fantasie per clavicembalo

Con lespressione dodici fantasie per clavicembalo HWV deest ci si riferisce a una raccolta di composizioni la cui paternità è attribuita a Georg Friedrich Händel.

                                               

Fantasia corale

La Fantasia per pianoforte, coro e orchestra in Do minore op. 80 di Ludwig van Beethoven, fu composta nel dicembre 1808. La parte corale è basata su un poema di Christoph Kuffner.

                                               

Fantasia da concerto

Čajkovskij era ritornato in patria dallestero allinizio di marzo del 1884, per trascorre la primavera con la sorella a Kamenka, dove giunse il 12 aprile e iniziò a comporre la Fantasia da concerto, senza però aver ben chiaro che genere di composizione avrebbe scritto. In giugno, dopo aver completato la bozza di quella che sarebbe diventata la Suite n. 3, egli ritornò a dedicarsi alla Fantasia, includendovi il secondo movimento Contrastes, che in origine era stato pensato come primo movimento della suite, per poi essere scartato. Il compositore scrisse anche un finale alternativo per il pri ...