Indietro

ⓘ Il grande capo




Il grande capo
                                     

ⓘ Il grande capo

Il grande capo è un film del 2006 diretto da Lars von Trier. Debutta in questo film la tecnica dell automavision. Lattore Jens Albinus, che in questo film interpreta Kristoffer, interpreta un personaggio dallo stesso nome nel film Idioti, pellicola a sua volta diretta da von Trier.

                                     

1. Trama

In Danimarca unimportante società che si occupa di informatica sta per essere venduta ad un burbero islandese, Finnur, che vuole firmare il contratto con il proprietario. Il vero proprietario, Ravn, però non ha mai rivelato la sua identità, fingendo di essere un semplice esperto legale che operava per conto del grande capo. Decide quindi di assumere un attore disoccupato, Kristoffer, perché reciti la sua parte per concludere la cessione dellazienda. La firma del contratto viene, però, ritardata e a Kristoffer è richiesto di recitare il ruolo del grande capo anche con gli stessi dipendenti, in modo da scaricare il vero proprietario dalle responsabilità delle scelte più impopolari passate e future. La situazione è però destinata a sfuggire di mano.

Il drammaturgo Gambini, ossessione di Kristoffer, in realtà non esiste. Von Trier vide quel nome su un camion di alimentari ne prese spunto. In realtà, come da lui stesso dichiarato in unintervista, intendeva alludere a Henrik Ibsen.

Allinizio del film, come la stessa voce narrante segnala, compare Lars von Trier dietro alla telecamera, riflesso nelle finestre delledificio.

Al termine della scena in cui Kristoffer e Ravn sono al cinema, nel momento in cui Ravn guarda lo schermo, si sente una delle poesie che fanno parte dellaudio del film "Lo specchio" del regista russo Andreij Tarkovskij.