Indietro

ⓘ Ippolito Marsili




Ippolito Marsili
                                     

ⓘ Ippolito Marsili

Nato da Carlo e Giuditta Gradi, alluniversità di Bologna fu allievo di Andrea Barbazza, Vincenzo Paleotti e Alberto Cattani; proseguì la sua formazione a Padova e Ferrara.

Si laureò a Bologna in utroque iure il 12 gennaio 1480, ma non è noto quando divenne avvocato. Già dal 1482 insegnò diritto romano. Teneva lezioni sul Codice e sul Digesto la mattina dei giorni festivi, riscuotendo un buon apprezzamento.

Intorno al 1492 interruppe lattività didattica per ricoprire incarichi di prestigio per conto del Ducato di Milano. Nel 1497 tornò a Bologna dove riprese la sua attività didattica. Nel 1509 fu dispensato dallattività didattica per motivi di salute. Lanno successivo riprese linsegnamento con Lecturæ sul diritto romano, associate alla stesura di repetitiones. Dal 1516 iniziò le lezioni di diritto canonico, fino al 1520, quando riprese le lezioni di diritto civile. Nel 1524, a causa del suo cattivo stato di salute, luniversità lo dispensò dalle letture, pur mantenendo lo stipendio. Morto nella sua città natale, fu sepolto nel chiostro di San Domenico.

Nei suoi trattati ha esaminato le tecniche di tortura e ha documentato il metodo della tortura della goccia cinese, in cui gocce dacqua vengono fatte cadere ininterrottamente sulla fronte della vittima, portandolo alla follia. Ha trattato anche, come mezzo di tortura, della veglia coatta.

                                     

1. Opere

  • Singularia seu notabilia, prima edizione, Milano, 1512
  • LA Singularia, Lyon, Jacques Giunta, 1535.
  • Tractatus de questionibus, in quo materie maleficiorum pertractantur, 1524
  • LA Consilia, Lyon, Hugue de La Porte & héritiers Aymon de La Porte, 1544.
  • LA Practica criminalis, Lyon, Jacques Giunta, 1538.
  • LA Practica criminalis, Venezia, Bartolomeo Rubini, 1574.
  • Repetitiones in uniuersas fere iuris canonici III, prima edizione, Venezia, 1587