Indietro

ⓘ Monti dell'Uccellina




Monti dellUccellina
                                     

ⓘ Monti dellUccellina

I Monti dellUccellina costituiscono un gruppo collinare lungo la fascia costiera della Maremma grossetana che divide la piana dellOmbrone a nord dalla piana del fiume Albegna a sud, nei territori dei comuni di Grosseto, Magliano in Toscana e Orbetello.

                                     

1. Geografia

Il gruppo collinare, che raggiunge i 417 metri s.l.m. sulla cima di Poggio Lecci, si estende nei territori comunali di Grosseto, Magliano in Toscana ed Orbetello, innalzandosi pochi chilometri a sud della foce dellOmbrone, presso la località di Alberese, e digradando allestremità meridionale presso Talamone, dove delimitano lestremità occidentale del Golfo di Talamone.

Tutta larea dei Monti dellUccellina è inclusa allinterno del Parco naturale della Maremma; il litorale si presenta alto e roccioso, fatta eccezione per la suggestiva Cala di Forno che si apre ai venti di maestrale.

Nella zona, rivestono notevole importanza dal punto di vista storico-artistico le numerose torri di avvistamento e lAbbazia di San Rabano che si presenta sotto forma di imponenti ruderi sul crinale collinare.

Notevoli sono anche le torri costiere di avvistamento, come la Torre di Castel Marino, la Torre di Collelungo, la Torre dellUccellina, la Torre di Cala di Forno, la Torre di Poggio Raso, la Torre delle Cannelle e la Torre di Capo dUomo; sulle pendici del versante opposto al mare spiccano la Torre Bassa e la Torre della Bella Marsilia.

                                     

2. Coste e promontori

Le propaggini settentrionali dei Monti dellUccellina iniziano ad elevarsi dietro la Pineta Granducale, con lo Scoglietto che costituisce il primo modesto rilievo, seppur caratterizzato da ripide pareti rocciose.

Procedendo verso sud, si elevano sempre nel retroterra dietro la pineta i rilievi denominati Salto del Granduca e Poggio Alto, tra i quali si ritrovano sotto le prime propaggini una serie di infratti, le Grotte della Fabbrica, dove sono venute alla luce testimonianze di epoca preistorica.

Le propaggini sud-occidentali del Poggio Alto si avvicinano gradualmente alla costa, pur fermandosi tra il canale di bonifica e la Spiaggia di Collelungo: esse sono il Poggio di Castel Marino, ove si eleva la torre omonima e il Poggio di Collelungo, ove si eleva la Torre di Collelungo. Questultima altura, seppur modesta, segna il limite orientale della Spiaggia di Collelungo, il cui arenile prosegue senza soluzione di continuità nella Cala Francese e nella Cala Rossa, dietro le quali si elevano bruscamente le pendici collinari, fino a raggiungere i 417 metri s.l.m. di Poggio Lecci.

Il lungo arenile, privo di soluzione di continuità da Bocca dOmbrone, termina con le pendici meridionali di Poggio Uccellina che conferisce la denominazione allintero sistema collinare litoraneo e con le pendici occidentali di Poggio Pian di Betto, che vanno a costituire un tratto costiero alto e roccioso, che digrada sulla sponda orientale della sabbiosa e suggestiva Cala di Forno, chiusa a sua volta a sud dalle pendici occidentali di Poggio Ghiacciale.

Da Poggio Ghiacciale inizia un lungo tratto costiero alto e roccioso, con alcune piccole cale come quella del Porticciolo, che si apre a sud-est di Poggio Torrino. Più a sud, LAiole e Poggio Tondo racchiudono la punta e la Cala del Gabbiano, dominata a sud dalla Torre delle Cannelle che si eleva su una propaggine tra Poggio Tondo e il Poggione.

Più a sud, i promontori sono formati dalla pendici occidentali digradanti di Punta del Corvo e di Capo dUomo, ove sorge lomonima torre. Le pendici meridionali del suddetto poggio e di quello di Fontelunga digradano rispettivamente verso Talamone ed il suo golfo, del quale costituiscono i limiti nord-occidentali.

                                     

3. Larea protetta

I Monti dellUccellina sono unarea naturale protetta. È presente un sito di interesse regionale, interamente compreso nel Parco naturale della Maremma. Sono riconosciuti anche come sito di importanza comunitaria pSIC e zona protezione speciale ZPS, per il notevolissimo valore naturalistico, storico e paesaggistico.

I principali elementi di criticità interni al sito sono:

  • Eccessiva densità di daini e cinghiali.
  • Abbandono delle pratiche colturali e riduzione del pascolo in parte degli oliveti, con progressiva chiusura delle praterie annue, di grande valore conservazionistico caratterizzate da unelevatissima ricchezza di specie vegetali e di notevole importanza faunistica.
  • Fruizione turistica localmente elevata, nei mesi estivi.

I principali elementi di criticità esterni al sito sono:

  • Aree urbanizzate ai confini meridionali.
  • Aree agricole ai confini.

I principali obiettivi di conservazione da adottare sono:

  • Conservazione delle specie animali e vegetali endemiche, rare e minacciate EE.
  • Conservazione degli elevati livelli di naturalità e della continuità della matrice di lecceta e macchia mediterranea, favorendo la presenza di formazioni più mature, nelle stazioni adatte, e il mantenimento di una buona eterogeneità dei soprassuoli boschivi e alto arbustivi EE.
  • Conservazione degli elevati livelli di qualità e di scarso disturbo delle coste rocciose E.
  • Conservazione e, dove necessario oliveti abbandonati, recupero dei prati annui e delle garighe, possibilmente mediante la prosecuzione delle forme tradizionali di uso del suolo, che garantiscono il mantenimento di buoni livelli di eterogeneità ambientale EE.

Le indicazioni per le misure di conservazione sono:

  • Controllo delle popolazioni di daino e cinghiale E.
  • Misure gestionali o contrattuali per la tutela e il recupero degli ambienti aperti, privilegiando in particolare le forme tradizionali di gestione degli oliveti EE.
  • Monitoraggio periodico degli elementi di maggiore fragilità e valore conservazionistico e individuazione delle eventuali misure necessarie per la loro tutela E.
  • Gestione forestale finalizzata al raggiungimento degli obiettivi 1. e 2. EE.


                                     

4. Geomorfologia

La tipologia ambientale prevalente è il rilievo collinare costiero, in gran parte coperto da boschi di leccio e macchia mediterranea, dalle coste rocciose. Altre tipologie ambientali rilevanti sono le praterie annue le garighe, gli affioramenti rocciosi e gli oliveti in parte abbandonati, le coste sabbiose.

                                     

5. Fauna

Presenza di mammiferi assai rari legati ad ambienti di macchia e boscaglia e di numerose specie ornitiche rare e minacciate legate soprattutto ad ambienti rupestri e alle garighe. Tra essi, il gatto selvatico Felis silvestris e il rinolofo euriale Rhinolophus euryale, un chirottero.

Tra i rettili: la testuggine di Herman Testudo hermanni; la testuggine dacqua Emys orbicularis, presente con densità molto elevate nel canale che delimita il confine fra il sito e la Pineta Granducale; la tartaruga marina comune Caretta caretta, con presenze accidentali; il cervone Elaphe quatuorlineata.

Tra gli uccelli: il biancone Circaetus gallicus, nidificante; il lanario Falco biarmicus, occasionalmente nidificante, svernante forse regolare ai margini del sito.

Presenza di vari taxa di invertebrati endemici in Italia, esclusivi o a distribuzione ristretta; presenza di Callimorpha quadripuncataria, un lepidottero.

                                     

6. Flora

Larea protetta è caratterizzata da unelevata diversità vegetazionale con presenza di aspetti caratteristici della Maremma grossetana. Presenza di specie rare ed endemiche.

Per quel che riguarda la fitocenosi, sono presenti ginepreti costieri del promontorio calcareo di Cala di Forno Parco naturale della Maremma. Tra le specie vegetali si segnalano la Romulea revelieri, specie tipica della Corsica e della Sardegna, recentemente individuata nel Parco della Maremma, la Centaurea aplolepa ssp. cosana, un endemismo maremmano, e popolamenti floristici caratteristici delle coste rocciose.