Indietro

ⓘ Criselefantino




Criselefantino
                                     

ⓘ Criselefantino

Laggettivo criselefantino o crisoelefantino deriva dal greco χρῡσελεφάντινος chrȳselephántinos, che significa "fatto doro" "e davorio".

Il termine è generalmente usato al femminile, come attributo dei sostantivi scultura e statua.

Esso si riferisce infatti ad una tecnica adoperata nella Grecia antica, che consisteva nel ricoprire con un sottile strato di avorio una struttura di sostegno che rimaneva invisibile: si utilizzava lavorio per il volto, le braccia, le gambe di una statua, mentre il panneggio delle vesti e i capelli venivano realizzati con loro.

Lo scultore più famoso per la realizzazione di statue criselefantine nellantichità fu il greco Fidia, di cui si ricordano la statua di Zeus a Olimpia e quella di Atena Parthenos nel Partenone.

Anche lo scultore Policleto realizzò statue con questa tecnica: di lui si sa che fece una statua di Era ad Argo.

Riconducibili a questa tecnica, in età romana, furono le statue colossali con testa e parti nude del corpo in marmo bianco, mentre le vesti erano realizzate in altri materiali retti da strutture di sostegno. Ne è un esempio la statua colossale di Costantino di cui si conservano la testa, una mano e un piede nel cortile del palazzo dei Conservatori a Roma.

Sempre in età romana non furono rare le statue realizzate in blocchi di marmo colorato per le vesti, la cui testa e gli arti erano scolpiti in marmo bianco.