Indietro

ⓘ Mano nel gilet




Mano nel gilet
                                     

ⓘ Mano nel gilet

La mano nel gilet è una postura del soggetto ripresa nei ritratti tra XVIII e XIX secolo che consisteva nel rappresentare una mano del raffigurato allinterno del suo gilet, tra il torso ed il ventre. Questo gesto, regolarmente associato alla figura di Napoleone Bonaparte, ha dato adito a diverse spiegazioni, dalle più plausibili alle più fantasiose.

                                     

1. Speculazioni sul gesto

Diverse furono le motivazioni, dalle più credibili alle più incredibili, che vanno a spiegare il perché Napoleone Bonaparte fosse solito porre la sua mano destra nel suo gilet.

Dolori allo stomaco

La prima e più famosa delle spiegazioni di questo gesto, ben esposta dallo storico Thierry Lentz, racconta il fatto che Napoleone fosse solito portarsi la mano al ventre a causa di una serie di dolori di stomaco, quasi a presagire la causa che lo avrebbe portato alla morte.

                                     

2. Le ragioni probabili

La postura è presente nei ritratti di diverse personalità e per essa si sono ritrovate due cause possibili:

Gesto delloratoria

Il gesto si ritrova nei ritratti ufficiali, una postura ispirata allattitudine del filosofo greco Eschine mentre teneva i suoi discorsi, già prima di Napoleone.

Questioni di costume

In epoca napoleonica era reputato come sconveniente il lasciar cadere le braccia pendenti lungo il corpo, anche perché i pantaloni non avevano delle tasche e pertanto gli uomini ponevano gli oggetti che dovevano portare con sé allinterno del proprio gilet; a questo costume si ispirò anche lo scrittore ed ecclesiastico Jean-Baptiste de La Salle nel suo Les règles de la bienséance et de la civilité chrétienne del 1702.