Indietro

ⓘ Interporto di Trieste Fernetti




                                     

ⓘ Interporto di Trieste Fernetti

L interporto di Trieste Fernetti è un complesso intermodale situato nel comune sparso di Monrupino, nellarea posta in prossimità del confine italo sloveno di Fernetti costituendo anche unarea retroportuale di supporto ai terminal marittimi dei porti di Trieste e di Monfalcone ai quale è collegato da una infrastruttura stradale e da una linea ferroviaria. La sua inaugurazione risale al 1972. Posizionato lungo la direttrice Baltico-Adriatico-Mediterraneo e lungo la direttrice del corridoio multimodale che congiunge Barcellona a Kiev, svolge il ruolo di piattaforma logistica per i traffici terrestri tra lEuropa Occidentale e lEuropa orientale e di hub strategico di connessione per i traffici merci tra i mercati dellEuropa centro-orientale ed il bacino del Mediterraneo.

                                     

1. Storia

Il progetto dellinterporto di Trieste Fernetti nacque nel 1972, con la costituzione del "Consorzio per la costruzione e gestione dellAutoporto di Fernetti".

Nel 1978 è entrata in funzione la prima area autoportuale e nel 1982, ultimata la struttura, è stata costituita la Società per azioni "Gestione Autoporto di Fernetti".

Nel 1997 la "Gestione Autoporto di Fernetti S.p.A." è stata trasformata nella Società per Azioni "Terminal Intermodale di Trieste-Fernetti".

Nel 2015 la denominazione è Interporto di Trieste SpA.

                                     

2. Società

I principali soci sono la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia che attraverso la finanziaria Friulia detiene il 39.34%, il comune di Trieste con il 24.03% e la Camera di Commercio di Trieste con il 18.61%; altri soci sono il comune di Monrupino, nella cui area comunale sorge linterporto con il 12.02% e lautorità del Sistema portuale del Mar Adriatico Orientale con il 6.01% del Capitale finanziario.

                                     

3. Struttura

La struttura nel 2018 occupa unarea complessiva di 350.000 metri quadrati suddivisa in 160.000 metri quadrati di aree infrastrutturali, 50.000 metri quadrati di piazzali e 80.000 metri quadrati di parcheggi per mezzi pesanti. La struttura offre anche 5.000 metri quadrati di aree direzionali, dove sono ospitate più di 30 case di spedizione, gli uffici dell’Agenzia delle Dogane e aree destinate ai servizi di supporto agli operatori.

Per i servizi ferroviari sono a disposizione 6 binari, suddivisi in 2 fasci operativi, che lo collegano alla stazione di Villa Opicina Campagna e di Villa Opicina, attraverso cui è collegato verso il porto di Trieste e verso Stazione di Sežana collegandosi così alla Slovenia e verso le aree balcaniche e dellest europeo.

Il breve tratto ferroviario fra la vecchia Opicina Campagna, ora divenuta scalo merci dellimpianto di Villa Opicina, e lautoporto di Trieste Fernetti, faceva parte del vecchio tracciato della Ferrovia Meridionale.

Linterporto è connesso con il Raccordo autostradale RA 14, che collegandosi allAutostrada slovena A3, la principale via di comunicazione lItalia e tra la Slovenia e, quindi larea balcanica e lEuropa Orientale, e collegandosi allAutostrada Serenissima comunica con sistema autostradale italiano, collegata a sua volta, attraverso il Raccordo autostradale RA 13 con la superstrada SS 202, al porto di Trieste.



                                     

4. Progetto Fer-Net

Fer-Net è un progetto finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia che si inserisce allinterno delle recenti tendenze nel trasporto delle merci che vedono negli interporti un prolungamento dei porti, rivoluzionando il concetto di porto, che allungandosi verso gli interporti ad esso collegati, finisce per inglobarli, con linterporto che opera come un terminal portuale, sviluppando fra lnterporto e il Porto di Trieste un corridoio monitorato come fosse un prolungamento della banchina portuale fino allarea di Fernetti, rendendo capace l’Interporto di Trieste-Fernetti di agire in piena continuità con il Porto di Trieste, incrementando le capacità operative dell’intero Sistema Logistico Regionale

La connessione tra interporto e porto prevede una forma di trasporto combinato che coinvolge il trasporto di complessi veicolari su treni merci denominato autostrada ferroviaria, che a differenza del trasporto intermodale, in cui vengono trasportati solo i container o eventualmente i semirimorchi, prevede il trasporto dellintero complesso veicolare cioè con trattore stradale incluso. Il collegamento tra linterporto di Fernetti e il porto di Trieste a partire dal 16 novembre 2015 opera attraverso la linea di cintura e il bivio dAurisina adattata ad autostrada ferroviaria su una tratta breve, ed in altenativa potrà sfruttare il tratto della linea tra Trieste Campo Marzio e Villa Opicina della ferrovia Jesenice-Trieste facente parte del complesso della ferrovia Transalpina, tratto fuori esercizio dal 2014 dopo alcuni cedimenti in galleria che potrebbe esser riaperto nell giugno 2019. Il servizio ha una frequenza giornaliera e viene impiegato per trasportare i semirimorchi movimentati in/out dalle navi Ro-Ro che ormeggiano a Trieste. Nel marzo 2017 lAutorità portuale di Trieste ha acquisito 15 trattori stradali trasformati in macchine operatrici per le operazioni di carico/scarico di semirimorchi ed altre unità di carico carrellate, in funzione dello shuttle ferroviario Ro-La che collega il Punto franco nuovo dello scalo giuliano allinterporto di Trieste Fernetti. La Ro-La acronimo del termine tedesco Rollende Landstrasse o "autostrada viaggiante" ha il grande vantaggio di permettere la combinazione del traffico stradale con quello ferroviario, attraverso lutilizzo di un treno, sul quale vengono trasportati camion completi. Lutilizzo di tale servizio su una tratta di breve distanza, rappresenta una soluzione altamente innovativa nel ramo dei trasporti intermodali e combinati, con notevoli vantaggi non solo logistici, ma anche ambientali, in quanto la riduzione dei flussi di veicoli pesanti sulla viabilità urbana, ha innegabili benefici in termini di riduzione delle emissioni e di miglioramento della sicurezza stradale. Lacquisizione delle 15 nuove motrici a supporto del servizio ferroviario che fa da navetta tra il porto di Trieste e Fernetti è un altro importante tassello per la piena integrazione del porto di Trieste con il suo interporto principale.

La denominazione Interporto di Trieste SpA identifica la sostanziale evoluzione dellarea, sempre più connessa con le attività del porto di Trieste