Indietro

ⓘ Rugbisti a 15 con almeno 100 presenze internazionali




                                     

ⓘ Rugbisti a 15 con almeno 100 presenze internazionali

Quello che segue è l’elenco, in ordine decrescente, di tutti i rugbisti a 15 che abbiano totalizzato, al 31 dicembre 2018, almeno 100 presenze internazionali.

Ai fini della definizione di" presenza internazionale”, si specifica che essa è conferita quando la federazione di appartenenza del giocatore riconosce lo status di test match all’incontro della squadra sotto la propria giurisdizione, indipendentemente dal fatto che esso sia o meno un full international ovvero tra due squadre internazionali.

È, quindi, legittimo che una federazione possa riconoscere la presenza ai propri giocatori anche in occasione di incontri contro formazioni non internazionali, come per esempio i Barbarians: per esempio il Galles diede lo status di test match a due incontri contro tale formazione nel 2011 e 2012.

Sono considerate, inoltre, squadre internazionali anche alcune selezioni istituite a seguito della collaborazione di più federazioni: è il caso dei British Lions, costituite dalle federazioni delle quattro union delle Isole Britanniche, dei Pacific Islanders, espressione di tre federazioni del Pacifico Figi, Samoa e Tonga, nonché del Sudamérica XV, formato da giocatori delle federazioni dellAmerica meridionale che in passato disputò incontri full international.

A titolo statistico, la soglia delle 100 presenze internazionali fu raggiunta per la prima volta dal francese Philippe Sella il 26 luglio 1994 a Christchurch contro la Nuova Zelanda; Sella fu affiancato due anni più tardi dall’australiano David Campese, che raggiunse analogo traguardo il 23 ottobre 1996 a Padova contro l’Italia. Furono necessari sette anni e un nuovo secolo per vedere un terzo giocatore aggiungersi alla statistica dei centenari: si trattò dell’inglese Jason Leonard, autore dell’impresa in occasione dell’incontro del Sei Nazioni 2003 contro la Francia.

Nei successivi 15 anni altri 56 giocatori raggiunsero tale prestigiosa soglia: tra gli italiani il primo fu Alessandro Troncon, che vestì la maglia azzurra per la centesima volta durante la fase a gironi della Coppa del Mondo di rugby 2007 contro il Portogallo. Al 31 dicembre 2018 il giocatore che più recentemente è entrato nella classifica dei cento incontri internazionali è Will Genia, nell’occasione il decimo australiano a vantare tale traguardo, conseguito a Londra il 24 novembre 2018 contro l’Inghilterra.

                                     
  • gaelico scozzese Na Sia Nàiseanan è il più importante torneo internazionale di rugby a 15 dell Emisfero Nord. Nato come Home Championship nel 1883, all epoca
  • finale agli Internazionali di Rio de Janeiro dallo svedese Davidson. Nel 1957 Pietrangeli fa la sua unica apparizione agli Internazionali d Australia
  • con un passato sportivo anche in Italia a Rovigo soprannominato in patria Alexandru cel Mare Alessandro Magno è ritenuto uno dei migliori rugbisti
  • della prima pietra della fabbrica avvenne alla presenza del vescovo Gregorio Zelli Iacobuzzi il giorno 15 giugno 1845. I lavori di costruzione si conclusero

Anche gli utenti hanno cercato:

come giocare a rugby, punteggio rugby, regole del rugby, regole rugby per bambini,

...
...
...