Indietro

ⓘ Genesio Amadori




Genesio Amadori
                                     

ⓘ Genesio Amadori

Genesio Amadori nacque a Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena, nel 1914, figlio di Goffredo Amadori e di Giulia Brunelli.

Amadori si distinse come trapezista per essersi specializzato, primo in Europa nel 1935, nel triplo salto mortale, nel doppio salto mortale con presa del porteur con una sola mano alla sbarra, esercizio per il quale morì, nella doppia piroetta e mezzo, nel doppio da trapezio a trapezio.

Amadori fu considerato uno dei migliori trapezisti del mondo, apprezzato per la sua agilità, ritenuto il fondatore dello stile italiano, paragonato ad Alfredo Codona.

La compagnia Amadori era composta dal padre Goffredo porteur, dalle sorelle Gilda e Ginevra doppio salto mortale, e da Genesio come punta di diamante.

Il 21 novembre 1938, durante lesercizio del doppio salto mortale con una sola mano alla sbarra, Genesio Amadori improvvisamente svenne e cadde sulla rete fratturandosi la colonna vertebrale. Cinque giorni dopo morì allospedale di Liegi per le conseguenze della caduta. Alfredo Codona lo aveva giudicato come il suo degno erede.

La compagnia Amadori, tutta assieme, aveva recitato e girato un film: I quattro diavoli 1928, incentrato sullambiente circense.