Indietro

ⓘ Grigorij Ivanovič Petrovskij




Grigorij Ivanovič Petrovskij
                                     

ⓘ Grigorij Ivanovič Petrovskij

Figlio di un sarto di Charkov, lavorò fin dagli undici anni di età come meccanico nei cantieri ferroviari e dai 15 lavorò in una fabbrica metallurgica di Ekaterinoslav. Qui iniziò a frequentare i circoli marxisti, cosicché fu attivo nel movimento socialdemocratico dal 1897 e membro del POSDR fin dalla sua fondazione 1898. Arrestato dalla polizia zarista nel luglio 1900 e poi nel 1903, emigrò per alcuni mesi in Germania nel 1906.

Fu presidente della frazione bolscevica della IV Duma di Stato dal 1912, ma nel novembre 1914, a seguito dello scoppio della Prima guerra mondiale, fu arrestato con gli altri deputati per attività antibellica e antigovernativa e tre mesi più tardi condannato al confino perpetuo nella regione di Turuchansk. Nel frattempo, nel gennaio 1913 era stato cooptato nel Comitato centrale del Partito bolscevico, di cui fece parte fino al maggio 1917. In quella fase, liberato dopo la Rivoluzione di febbraio, fu a capo del Comitato per la sicurezza cittadina nelloblast di Jakutsk e poi membro del comitato bolscevico di Ekaterinoslav. Dopo la Rivoluzione dottobre fu Commissario del popolo per gli affari interni della Russia sovietica fino al marzo 1919. Ebbe poi ruoli di vertice nel Comitato esecutivo centrale panucraino e nel Partito Comunista dellUcraina, del politburo del quale fu membro dal 1920 al 1938, così come dal 1921 al 1938 fece parte del Comitato Centrale del Partito bolscevico russo e poi di tutta lUnione. Dal 1922 al 1938 presiedette il Comitato esecutivo centrale dellUnione Sovietica e dal 1938 al 1939 fu vicepresidente del Presidium del Soviet Supremo dellURSS. Dal 1940 fino alla morte fu vicedirettore del Museo della Rivoluzione di Mosca.

Nel 1926 la città di Ekaterinoslav fu ribattezzata Dnepropetrovsk in suo onore. È sepolto nella necropoli delle mura del Cremlino.