Indietro

ⓘ Ai liberatori del Donbass




Ai liberatori del Donbass
                                     

ⓘ Ai liberatori del Donbass

Ai liberatori del Donbass è un monumento nel parco di Lenin Komsomol, a Doneck nella Repubblica Popolare di Doneck, dedicato alla memoria dei soldati che hanno liberato il Donbass durante la Seconda guerra mondiale. È il più grande monumento nel sud-est dellUcraina, il principale monumento di storia militare della città e della regione.

Gli eventi commemorativi dedicati al Giorno della Vittoria si svolgono tradizionalmente vicino al monumento. I veterani percorrono il centro della città fino al monumento, dove si organizzano tavoli per banchetti nei vicoli vicino al monumento.

Oltre al monumento, il complesso memoriale comprende la piattaforma militare, un mini parco dei veterani, in cui è presente una campana dedicata al movimento clandestino partigiano.

                                     

1. Descrizione

Il monumento è a forma di triangolo, composto da tre pareti inclinate che escono dal terreno e simboleggiano le sagome dei terrikon cumuli di scorie delle miniera di carbone, alte come colline caratteristici del Donbass. Ai piedi del monumento cè una fiamma eterna. Su uno dei muri cè una dedica: "1943. Ai tuoi liberatori, Donbass". Su un altro muro cè una scultura in cui sono elencate le date della liberazione degli insediamenti dellOblast di Doneck.

Sulla piattaforma cè una composizione scultorea, un minatore e un soldato, che tengono con la mano destra la spada con la lama rivolta verso il basso. La mano sinistra del Soldato viene sollevata, la mano sinistra del Minatore viene messa da parte. Dietro le figure sventola la bandiera a forma di stella a cinque punte. Il Soldato è un giovane, mentre il Minatore è un uomo adulto. I ritratti sono stati scolpiti senza modelli. Le sculture sono in rame, laltezza è di 18 metri, laltezza totale del monumento insieme al piedistallo e lo stendardo è di oltre 30 metri. Il piedistallo è rivestito esternamente di granito nero che sale dal suolo in senso angolare che simboleggia gli strati di carbone. Il piedistallo è vuoto allinterno.

                                     

2. Creazione

Il Comitato Centrale del PCUS e il Consiglio dei ministri dellUnione Sovietica emanarono il decreto sullistituzione del monumento nel 1967. La squadra di scultori di Kiev iniziò a lavorare sulla creazione del monumento, ma non si andò mai oltre lo sviluppo dellidea. Nel 1976, il gruppo degli scultori di Doneck iniziò a lavorare effettivamente al monumento, tra cui gli scultori Jurij Baldin e Aleksandr Porožnjuk, gli architetti Vladimir Kiškan e Michail Ksenevič, lingegnere progettista Efim Rajgorodeckij. Vladimir Kiškan ha guidato il gruppo e ha dato molte idee sul design del monumento. Il monumento doveva essere concluso nel 40º anniversario della liberazione del Donbass, nel settembre 1983, ma venne effettivamente inaugurato l8 maggio 1984 per il 39º anniversario della Giorno della Vittoria.

                                     

3. Museo

Inizialmente il museo era stato progettato allinterno del monumento, ma questa idea è stata abbandonata a causa delle difficili condizioni geologiche. Sotto il monumento cera uno spazio con unarea totale di 3.500 metri quadrati e unaltezza di 18 metri. Questa stanza è stata utilizzata per conservare i vecchi scenari del teatro accademico ucraino e del teatro drammatico di Doneck. Si pensava anche di creare un panorama a più livelli della seconda guerra mondiale.

                                     

4. Equipaggiamento militare sul posto

Nel 2010, per onorare il 65º anniversario del Giorno della Vittoria, sono stati installati tre carri armati davanti al monumento: T-34-76, T-34-85, T-54/55, due cannoni anticarro ZIS-2, e ZiS-3. Carri armati e cannoni anticarro hanno partecipato alla liberazione di Stalino attuale Doneck.

  • Monumento ai liberatori del Donbass

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...