Indietro

ⓘ Vincenzo Bellagambi




                                     

ⓘ Vincenzo Bellagambi

Non si conoscono le date esatte di nascita e di morte di Vincenzo Bellagambi, anche se è noto che fu una persona longeva e che quindi nacque nellultimo periodo del XVIII secolo e morì qualche anno dopo il 1864, perché questa è la data del suo ultimo lavoro di commediografo, relativa al dramma intitolato Veronica Cybo.

Diventò autore drammatico in età avanzata dopo aver svolto lattività di legatore di libri, di attore in compagnie di guitti, infine "amoroso" in una formazione qualificata diretta da Luigi Taddei.

A Firenze si occupò anche del commercio del libro antico,oltre che dellattività di traduttore.

Tra i suoi drammi si ricordano: La morte dei fratelli Bandiera 1859; I figli abbandonati 1850, proibito dalla censura e ripreso una ventina danni dopo con il titolo originale I bastardi ; Il cuore umano 1855, Stenterello viaggiatore in sogno 1864.

La morte dei fratelli Bandiera 1859 fu un dramma avente non solo la funzione di ricordare, come in questo caso, il fallimento della spedizione in Calabria, ma anche quella di soccorrere con unaltissima idealizzazione del martirio, i patrioti impegnati nella Repubblica romana.

Così era commentato lannuncio della rappresentazione al Teatro Valle del dramma: "Invitiamo i nostri concittadini, ad assistere a questa produzione, con quel religioso raccoglimento, con quellattenzione con cui debbansi ascoltare i grandi fatti nazionali. E la gloria di questi martiri è gloria italiana, e dal deplorabile fine di quella mano di generosi incominciò lItalia a comprendere tutta la gravezza della servitù, e la infamia dei suoi maledetti tiranni. Ecco i veritemi da trattarsi, ecco come sistruisce il popolo! – Onore al cittadino Bellagambi, ed al suo cuore infiammato dal santo affetto di patria".

                                     

1. Opere

  • Stenterello viaggiatore in sogno 1864;
  • La morte dei fratelli Bandiera 1859;
  • Veronica Cybo 1864;
  • I figli abbandonati 1850
  • I bastardi 1870.
  • Il cuore umano 1855;