Indietro

ⓘ Relazioni bilaterali tra Italia e Taiwan




Relazioni bilaterali tra Italia e Taiwan
                                     

ⓘ Relazioni bilaterali tra Italia e Taiwan

Le relazioni bilaterali tra Italia e Taiwan sono le relazioni diplomatiche tra Italia e Taiwan. Le relazioni sono state condotte su base non ufficiale da quando lItalia ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taiwan il 6 novembre 1970 e ha stabilito relazioni con la Repubblica popolare cinese.

                                     

1. Collegamenti commerciali

Nonostante lassenza di relazioni diplomatiche, i collegamenti commerciali tra lItalia e Taiwan hanno rappresentato 3.7 miliardi di euro nel 2014, con lItalia che è il quinto partner commerciale di Taiwan in Europa. Nel 2011 circa 40 società taiwanesi hanno effettuato investimenti in Italia per un valore di 300 milioni di euro Nel 2015, la Camera dei deputati, la camera bassa del Parlamento italiano, ha approvato un disegno di legge per evitare la doppia imposizione con Taiwan. Un accordo in tal senso è stato completato nel 2016.

                                     

2. Uffici di rappresentanza

Taiwan è rappresentata dall"Ufficio di Rappresentanza di Taipei in Italia" a Roma. Ciò ha anche la responsabilità di San Marino, Malta, Albania e Macedonia del Nord. Ciò è stato istituito nel 1990 come Associazione Economica e Culturale di Taipei, prima di adottare lattuale nome nel 1996.

Un altro ente, con sede a Milano, noto come Centro Commerciale Per lEstremo Oriente, era stato precedentemente istituito come ufficio commerciale nei primi anni 70. Questo è ora noto come "Taiwan Trade Center", gestito dal Consiglio per lo sviluppo del commercio estero di Taiwan.

Allo stesso modo, lItalia è rappresentata dallUfficio italiano di promozione economica, commerciale e culturale. È stato istituito nella sua forma attuale nel 1995. È stato originariamente istituito nel 1989 come "Centro economico e commerciale italiano". Le disposizioni per lapertura dellufficio sono state prese attraverso la San Shin Trading Ltd., lagente locale per le auto FIAT a Taiwan.

Nel 1992, lUfficio è stato ribattezzato "Ufficio italiano di promozione commerciale". In quellanno iniziò anche a rilasciare visti. In precedenza, le domande di visto venivano inoltrate al Consolato Generale italiano a Hong Kong. A differenza di altri paesi, durante la crisi della SARS nel 2003, lItalia non ha imposto restrizioni di viaggio o quarantene ai turisti di Taiwan, con lUfficio italiano di promozione economica, commerciale e culturale che ha continuato a rilasciare visti normalmente.

                                     

3. Storia

Fino al 1970, Taiwan, in quanto Repubblica di Cina, era rappresentata da unambasciata a Roma e da un consolato generale a Milano. Questo era separato dallAmbasciata della Repubblica di Cina presso la Santa Sede, che, pur trovandosi nel territorio italiano, rimane accreditata presso Città del Vaticano. Ciò ha portato alla confusione nel 1989 a seguito delle proteste di piazza Tiananmen a Pechino, quando gli italiani hanno protestato fuori dallambasciata, ritenendo che fosse quella della Repubblica popolare cinese.

Nel 2005, lallora presidente, Chen Shui-bian, fu autorizzato ad entrare in Italia per partecipare al funerale di Papa Giovanni Paolo II, viaggiando su un volo charter della China Airlines

China Airlines ha iniziato i voli tra il Chiang Kai-shek di Taipei e laeroporto di Fiumicino nel 1995, che è diventato un servizio di codeshare con Alitalia nel 2003.

Nel 2014, Taiwan ha deciso di non partecipare allExpo 2015 a Milano dopo che il governo italiano propose di rappresentarlo come entità aziendale piuttosto che come paese.