Indietro

ⓘ VX (standard di videoregistrazione)




                                     

ⓘ VX (standard di videoregistrazione)

Il VX è stato un formato di videocassette analogico di consumo, di breve durata e senza successo, sviluppato da Matsushita e lanciato nel 1975 in Giappone. Negli Stati Uniti è stato venduto con il marchio Quasar e commercializzato con il nome di La grande macchina del tempo per mostrare le sue capacità di spostamento del tempo, poiché le macchine VX avevano un timer elettromeccanico associato per la registrazione a tempo di programmi televisivi. In Giappone, il modello VX-100 fu lanciato nel 1975, seguito dal VX-2000 nel 1976. Il primo e unico modello venduto in Nord America fu il Quasar VR-1000, con il timer VT-100.

                                     

1. Design

La stessa cassetta VX aveva entrambe le bobine da 1 ⁄ 2 pollice 13 mm nastro magnetico impilato uno sopra laltro in modo coassiale proprio come i precedenti formati VCR Philips e Cartrivision nella metà inferiore del nastro, con unapertura circolare nella parte inferiore della metà superiore della cassetta, dove entrerebbe il tamburo della testina video. Il nastro in questa apertura è stato preformato in un anello per aggirare il tamburo della testina, eliminando la necessità di estrarre il nastro dalla cassetta e infilarlo attorno al tamburo come nei formati di videocassette successivi come VHS e Betamax. Lapertura era protetta da un tappo di plastica cilindrico per proteggere il nastro, che veniva svitato dallapertura quando il nastro veniva caricato nella macchina mediante lo spostamento di una leva orizzontale sulla parte anteriore della macchina, e reinserito nel nastro quando viene espulso spostando indietro la leva.

Lo stesso tamburo della testina video di una macchina VX ha la particolarità di essere completamente rimovibile e sostituibile senza strumenti o attrezzature speciali. Il tamburo ha un dado zigrinato nella parte superiore, che può essere regolato a mano, consentendo al tamburo di essere rimosso dal ponte per la pulizia o la sostituzione. Fino ad oggi, le macchine VX sono state lunico videoregistratore progettato con questa funzione.

                                     

2. Specifiche

  • Velocità del nastro: 52.133 mm / s
  • Metodo di registrazione: scansione elicoidale a testa singola e avvolgente alfa
  • Segnale audio: traccia lineare a 1 canale 0.4 mm
  • Dimensioni cassetta: 213 × 146 × 44 mm 550 g
  • Tempo di registrazione: originariamente fino a 100 minuti, le cassette da 120 minuti sono diventate disponibili in un secondo momento
  • Larghezza traccia video: 48 µm 73 µm con banda di protezione
  • Velocità relativa: 9.091 m/s
  • Segnale video: modulazione di frequenza 3.3–4.6 MHz segnale cromatico: colore inferiore a 688.374 kHz
  • Diametro tamburo testa: 48 mm
  • Larghezza del nastro: ½ pollice 12.65 mm
                                     
  • Test and Evaluation Squadron VX Virus eXchange, sito per lo scambio di virus VX gruppo musicale statunitense VX - standard di videoregistrazione
  • La videoregistrazione è la registrazione in forma elettronica di immagini in movimento accompagnate anche da audio al fine della conservazione per una
  • Il formato M è uno standard di videoregistrazione professionale, sviluppato e commercializzato nel 1982 da Matsushita e RCA, proposto come alternativa
  • ritenuto sfortunato in alcune culture asiatiche. D1 standard di videoregistrazione D2 standard di videoregistrazione D3 standard di videoregistrazione
  • la sigla usa i numeri romani e si pronuncia Emme due è un standard di videoregistrazione professionale, sviluppato dalla Panasonic nel 1986 come risposta
  • Con il termine 1 pollice standard A ci si riferisce a un formato di videoregistrazione professionale a bobina aperta, sviluppato da Ampex nel 1965, che
  • Il D6 nome della convalida SMPTE è un formato di videoregistrazione digitale concepito per l alta definizione. Il D6 può registrare un segnale video
  • formato di videoregistrazione digitale professionale, sviluppato e commercializzato dalla Ampex nel 1992. Il DCT è basato sul formato D1 della Sony, di cui
  • La storia della videoregistrazione registra un certo numero di formati, alcuni dei quali tecnicamente molto interessanti, che tuttavia non hanno avuto
  • Il D3 è un formato di videoregistrazione digitale, commercializzato dalla Panasonic nel 1991 in concorrenza con il D2 della Ampex. Il formato usa un nastro