Indietro

ⓘ Iatrochimica




                                     

ⓘ Iatrochimica

La iatrochimica medico e dal gr. chemeía chimica) è stata una branca della chimica e della medicina sviluppatasi a partire dal XVI secolo parallelamente alla iatromeccanica, che ha avuto il suo massimo esponente nel medico elvetico Paracelso.

Lidea di fondo della iatrochimica consiste nella convinzione che la salute dellorganismo dipenda essenzialmente da uno specifico bilancio tra i componenti chimici dei fluidi corporei. Sulla base di questa idea, gli iatrochimici si sono dedicati allinterpretazione dei processi biologici ad esempio quello fermentativo in termini essenzialmente chimici: il corpo umano, secondo tale concezione, si presenta come una fornace chimica, dove la vita non è altro che una serie di processi chimici da spiegare e mettere in rapporto con la malattia ed il rimedio.

I rimedi medicinali individuati dagli iatrochimici, dunque, sono anchessi di natura essenzialmente chimica. Molti di essi restano ancora in uso nella moderna farmacopea, il laudano, il tartaro emetico o la tintura di ferro).

Come per molte altre attività che hanno reso celebre Paracelso, anche la iatrochimica affonda decisamente le sue radici nellalchimia, molto diffusa in quel periodo.

Questo approccio di ricerca è stato abbandonato in seguito alla diffusione delle moderne pratiche mediche. Dal 1525 al 1660, in ogni caso, esso è stato decisamente diffuso, specialmente nelle Fiandre.

La iatrochimica è stata spesso definita una vera e propria scuola filosofica, in decisa opposizione alla concezione vitalistica tipica del periodo. La ricerca di una fusione tra la medicina e la chimica, daltra parte, si poneva in aperto contrasto anche con le pratiche vigenti nella pratica medica dellepoca. Lo studio accurato del bilancio dei fluidi corporei si pone decisamente nella scia tracciata diversi secoli prima da Ippocrate, il cui insegnamento era stato decisamente accantonato.