Indietro

ⓘ Ferrovia Città del Capo-Il Cairo




Ferrovia Città del Capo-Il Cairo
                                     

ⓘ Ferrovia Città del Capo-Il Cairo

La ferrovia Città del Capo-Il Cairo è una linea ferroviaria che attraversa lAfrica da sud a nord, essendo la ferrovia più grande e più importante del continente. Serve come collegamento tra Città del Capo, in Sudafrica, e la città di Port Said, in Egitto.

Parti importanti della sua rotta prevista per attraversare lAfrica sono incomplete o non operative a causa di guerre, mancanza di capitale finanziario, ostacoli geografici e geologici e scarsa volontà politica.

Questo progetto fu avviato alla fine del XIX secolo, durante il periodo del dominio coloniale occidentale, dalla prospettiva di Cecil Rhodes, che cercò di collegare i possedimenti africani adiacenti dellImpero britannico attraverso una linea continua da Città del Capo, in Africa da sud, raggiungendo la città del Cairo, in Egitto.

                                     

1. Progetto

La proposta di una ferrovia che andasse dal Capo al Cairo fu fatta nel 1874 da Edwin Arnold, direttore del The Daily Telegraph, sponsor della spedizione di Henry Morton Stanley in Africa per scoprire il corso del Congo. Il percorso proposto prevedeva il trasporto ferroviario misto a quello fluviale tra Lubumbashi nel Congo belga e Sennar nel Sudan anziché uno ferroviario.

Limperialista e imprenditore Cecil Rhodes fu determinante nel proteggere gli stati meridionali del continente dellImpero britannico e immaginò una "linea rossa" di colonie britanniche da sud a nord. Una ferrovia sarebbe stato un elemento critico in quel contesto per collegare i possedimenti, facilitare il governo del territorio, consentire alle truppe di spostarsi rapidamente, condurre la guerra, aiutare i coloni per gli insediamenti e consentire il commercio di merci continentali ed extra-continentali. Questo progetto rappresentò una grande sfida tecnologica.

La Francia ebbe una strategia simile alla fine del 1890 per collegare le sue colonie dellAfrica occidentale e orientale, dal Senegal al Gibuti. Il Sudan del Sud e lEtiopia furono sul percorso francese, ma ci furono spedizioni nel 1897 per istituire un protettorato in quella zona e per trovare una rotta per attraversare lEtiopia. Il progetto andò a monte quando la flotta britannica sul Nilo affrontò la spedizione francese nel punto di intersezione tra le rotte francese e britannica, portando alla Crisi di Fascioda e alla ritirata francese dai territori reclamati.

Il Portogallo volle realizzare una ferrovia dallAngola al Mozambico per collegare le due colonie e fece la "Mappa rosa" che rappresentava le sue pretese di sovranità in Africa.

Lopposizione al dominio britannico in Sudafrica fu stabilita dopo la prima e la seconda guerra boera terminata nel 1902 ma la Repubblica del Transvaal e lo Stato Libero dellOrange vennero incorporati solo nel 1910.

                                     

2. Mancata realizzazione della ferrovia

Gli interessi britannici dovevano superare gli ostacoli della geografia e del clima e la competizione tra gli inglesi, i francesi, i portoghesi e i tedeschi. Nel 1891, lImpero tedesco si impadronì del territorio dellAfrica Orientale tedesca, che insieme alla foresta pluviale montuosa del Congo belga non permise la costruzione della ferrovia.

Nel 1916 durante la Grande guerra soldati britannici, africani, sudafricani e indiani conquistarono il Territorio del Tanganica dai tedeschi e dopo la guerra gli inglesi continuarono a governare il territorio, che fu un mandato della Società delle Nazioni dal 1922. Gli inglesi ora potevano completare la ferrovia, ma la Grande depressione ne impedì il completamento. Dopo la Seconda guerra mondiale, la decolonizzazione dellAfrica e lindipendenza delle colonie il progetto venne definitivamente abbandonato.

                                     

3. Tratte ferroviarie operative

I tratti operativi della ferrovia Città del Capo-Il Cairo sono i seguenti:

  • Sezione sud-est: da Port Elizabeth, attraverso Bloemfontein, Johannesburg, Pretoria e Musina in Sudafrica, fino a Bulawayo nello Zimbabwe.
  • Sezione sud-centrale: collega Bulawayo alle Victoria Falls in Zimbabwe, Livingstone, Lusaka e Ndola in Zambia, Sakania, Lubumbashi, Tenke, Bukama, Kamina, Kabalo e Kindu in Congo.
  • Sezione sud-ovest: partenza da Città del Capo, passando per Kimberley e Mahikeng in Sudafrica, Gaborone e Francistown nel Botswana, fino a Bulawayo nello Zimbabwe.
  • Estratto incompleto da Kindu a Uvira in Congo, Bujumbura e Kayanza in Burundi, Butare e Kigali in Ruanda, a Kampala in Uganda.
  • Sezione centrale: collega Kampala a Njeru, Busembatia, Tororo e Gulu in Uganda.
  • Sezione a circolazione sospesa da Wau, nel Sudan del Sud, a Babanusa, in Sudan, a causa di guerre locali.
  • Estratto incompleta da Gulu, Uganda, a Giuba e Wau, nel Sudan del Sud.
  • Estratto incompleto di Wadi Halfa, Sudan, Assuan, Egitto.
  • Sezione nord-Nilo superiore: collega Babanusa a Sennar, Khartum e Wadi Halfa in Sudan.
  • Sezione nord-Nilo inferiore: collega Assuan a Luxor, Asyut, Il Cairo e Benha in Egitto.
  • Sezione nord-ovest: collega Benha ad Alessandria, in Egitto.
  • Sezione nord-est: collega Benha a Port Said, in Egitto.
  • Sezione nord-centrale: collega Benha a Damietta in Egitto.


                                     

4. Strada

La spedizione Court Treatt, un viaggio dalla Città del Capo fino a Il Cairo su strada, venne compiuta nel 1924 con due auto. La strada Città del Capo-Il Cairo venne progettata per collegare più o meno gli stessi paesi. Il progetto è stato aggiornato con il piano autostradale omonimo, le cui sezioni sono asfaltate e percorribili.