Indietro

ⓘ Debris flow




                                     

ⓘ Debris flow

I debris flow o colate detritiche sono un tipo di frana che consiste nel movimento verso valle, lungo un versante o nel greto di un torrente, di materiale detritico anche di notevoli dimensioni, solitamente accompagnato da una notevole quantità dacqua, anche se sono possibili colate anche in materiale asciutto. La pericolosità dei debris flows è dovuta alla loro velocità di propagazione e alla notevole forza di impatto che, in caso avvengano in aree antropizzate, sono in grado di causare vittime e abbattere grossi edifici.

                                     

1. Caratteristiche

I debris flow presentano elevate concentrazioni di materiale detritico, che si muove verso valle percorrendo anche grandi distanze con velocità variabili da pochi cm/s sino a circa 25 m/s Sassa, 1987. Il materiale trasportato ha granulometria molto variabile ed un singolo fenomeno si manifesta frequentemente con ondate successive pulsazioni dovute a temporanee ostruzioni del canale di trasporto, ed è per questa ragione che tali fenomeni, in analogia con le colate laviche, prendono anche il nome di lave torrentizie.

Le colate detritiche sono fenomeni diffusi nella maggior parte delle fasce climatiche, dalle regioni desertiche a quelle alpine e rivestono una notevole importanza sia per la loro influenza sullevoluzione morfologica del bacini idrografici nei quali avvengono, sia per il rischio potenziale che determinano sui conoidi alluvionali, a causa della loro elevata capacità distruttiva. In tali aree, aumenti improvvisi di disponibilità idrica, dovuti comunemente a piogge intense quali i temporali estivi o alla rapida fusione di nevai, possono provocare, con lo scorrimento dellacqua lungo i pendii, la mobilitazione di ingenti quantità di detrito che vanno a formare un debris flow.

Le colate detritiche consistono solitamente in miscugli di acqua con terreno a grana fine limo e argilla e/o grossolano ad elevata concentrazione, cui si associano spesso tronchi dalbero ed altri detriti vegetali. Si forma così una massa incoerente di detrito, sostenuta e trasportata dalla massa dacqua, senza una netta separazione tra la fase solida e quella liquida. Il comportamento di una colata di detrito può essere assimilato a quello di un fluido non newtoniano, caratterizzato da una variazione della resistenza alla deformazione tangenziale interna non linearmente proporzionale alla velocità della deformazione stessa. In certi casi, inoltre, i moti convettivi che si sviluppano allinterno della colata unitamente ai continui urti tra i detriti trasportati possono mantenere in superficie i massi di maggiori dimensioni raccolti lungo il percorso, che vanno poi a concentrarsi sulla sommità del deposito, formando caratteristici gradienti inversi della distribuzione granulometrica.

Tradizionalmente si riconoscono nelle colate i seguenti regimi Takahashi, 1991:

  • macroviscoso: il moto è lento e i sedimenti si muovono in maniera ordinata il fluido interstiziale però non è necessariamente in moto laminare;
  • turbolento: tipico per miscele con elevate concentrazioni di materiale coesivo, il fluido può essere rappresentato in prima approssimazione con il modello newtoniano ma con una correzione della viscosità e tenendo eventualmente in considerazione la tensione di soglia o yield strength;
  • grano-inerziale: in presenza di materiale grossolano in alte concentrazioni e di alte velocità - e quindi di un forte gradiente di deformazione della miscela - il comportamento risultante è governato dalle collisioni una conseguenza è la cosiddetta "gradazione inversa" dei sedimenti;

Una stessa colata tuttavia può, durante il suo percorso verso valle, mutare le proprie caratteristiche da un tipo allaltro e.g. il regime macroviscoso si riscontra usualmente durante la fase di arresto.

In letteratura sono stati anche proposti numerosi modelli per simulare il tasso di erosione e di deposito per la fase di propagazione e di arresto.

                                     
  • densità e viscosità, di tipo più simile a colate di fango e di detrito debris flow Da studi recenti sono stati distinti diversi tipi di depositi sedimentari
  • Prada KG. Furton, Canine human scent identifications with post - blast debris collected from improvised explosive devices., in Forensic Sci Int, vol. 199
  • finds plane debris BBC, 2 giugno 2009. URL consultato il 2 giugno 2009. EN Evaristo Sa, Navy ships seek to recover Air France crash debris Agence France - Presse
  • comunicazioni delle regioni, 16 gennaio 2006. Matthias Jakob, Oldrich Hungr, Debris - flow Hazards and Related Phenomena, Springer edition, 2005, p. 498. Elisabetta
  • W. Akers, S. M. Jensen e B. K. Schuetz, Examination of relocated fuel debris adjacent to the lower head of the TMI - 2 reactor vessel, 1994, DOI: 10.2172 10140801
  • Foreign Object Damage - Danno da oggetti estanei FOD - Foreign Object Debris - Oggetti estranei che potrebbero causare danni ad un velivolo o a persone
  • sul segmento S0, pulito il Common Berthing Mechanism CBM Foreign Object Debris FOD del boccaporto nadir del Nodo 1 e il fissaggio del Solar Array Blanket

Anche gli utenti hanno cercato:

barriere debris flow, che cosa è un debris flow, debris traduzione,

...
...
...