Indietro

ⓘ Categoria:Tecniche letterarie




                                               

Descrizione

La descrizione è latto di rappresentare con parole una determinata realtà. Il concetto di descrizione può essere visto da un punto di vista epistemologico, cognitivo, scientifico, informatico, della filosofia del linguaggio, archivistico, bibliografico, ecc. Lo scopo di un testo "descrittivo" è quello di indicare al lettore o allascoltatore le caratteristiche di una certa realtà. La definizione "scientifica" invece indica la comunicazione di conoscenze che si possono interpretare in un solo modo.

                                               

Destrutturazione

Il concetto di destrutturazione si configura nelloperazione di rompere la struttura classica di un genere consolidato. Loperazione può avvenire sia per addizione che per sottrazione, esasperando o scarnificando gli elementi portanti del genere.

                                               

Discorso indiretto libero

Il discorso indiretto libero è una variante del discorso indiretto che fonde le modalità del discorso diretto e di quello indiretto in una forma ibrida. Esso è discorso indiretto in quanto passa attraverso la mediazione del soggetto riferente che però mantiene stilemi, cioè quegli elementi caratteristici che sono il tratto distintivo dello stile di uno scrittore o di un testo, e strutture grammaticali del discorso diretto. Esso era ben noto sin dagli scrittori classici e viene chiamato libero perché non viene in esso utilizzato quel legame tra discorso del narratore e discorso del personag ...

                                               

Espediente narrativo

In letteratura, nella drammaturgia, nel cinema e, in generale, nelle diverse forme di finzione letteraria, un espediente narrativo è un elemento di una narrazione introdotto dallautore, in modo deliberato, con lo scopo unico o principale di consentire un determinato sviluppo della trama.

                                               

Eteronimia

L eteronimia è un fenomeno linguistico per cui, in una determinata lingua, si utilizzino denominazioni con origini etimologicamente diverse per indicare oggetti o esseri affini, separati unicamente da differenze nel genere o nel numero grammaticale. Nelle scienze fisiche, sono eteronimi quegli enti che hanno nomi diversi pur riferendosi a realtà omogenee: ne sono un esempio i nomi differenti attribuiti ai poli magnetici, alle cariche elettriche di segno diverso, ecc.

                                               

Explicit

La voce verbale tarda latina explicit è la parola iniziale della formula di conclusione di unopera. È ricostruita dal verbo explico "spiego, svolgo", in riferimento allo srotolamento dei rotoli che costituivano i libri antichi. Al termine di ogni volumen si trovava infatti la dicitura explicitus liber "il libro è completamente srotolato"; forse perché spesso abbreviata in explicit., fu reinterpretata come un indicativo presente explicit liber, analogo ad incipit, le fu dato il significato di "il libro finisce". Anticamente usata nei codici medievali, con lavvento della stampa e la caduta i ...

                                               

Giustizia poetica

La giustizia poetica è una tecnica letteraria per la quale la virtù viene infine premiata o il vizio punito, spesso nella letteratura moderna per via di un ironico scherzo del destino che è intimamente legato alla condotta del personaggio. La tesi secondo cui poesia, prosa e dramma dovrebbero contenere la giustizia ha origine nelle poetiche di Aristotele. Aristotele sostiene che la poesia è superiore alla storia, in quanto mostra cosa dovrebbe accadere, e non semplicemente ciò che accade. Il critico letterario inglese Thomas Rymer coniò la frase in The Tragedies of the Last Age Considered ...

                                               

Impersonalità narrativa

L impersonalità narrativa è una tecnica narrativa in base alla quale il narratore non deve partecipare emotivamente agli avvenimenti, commentando, condannando, approvando giudicando, infatti le conseguenze si riveleranno spontaneamente. Il narratore non allude mai, esplicitamente, alla propria funzione narrativa, spesso si esprime imitando i modi caratteristici di questo o di quel personaggio. Fedele allimmagine del narratore popolare usa il discorso indiretto libero, passando, senza soluzione di continuità, dalla narrazione di un fatto al riportare le parole o i pensieri di un personaggio ...

                                               

Incipit

La voce verbale latina incipit è la parola iniziale della formula latina che introduce il titolo di unopera, talvolta anche con il nome dellautore. In filologia e in bibliografia, con l incipit, sostantivato, si fa riferimento alle prime parole con cui inizia un testo, e in particolare al primo verso di una poesia. Se però, in senso stretto, il termine incipit definisce propriamente la parola o la frase o il verso iniziale di un qualsiasi componimento in prosa o in versi, luso che ha assunto nella critica letteraria moderna è più esteso. Non solo, dunque, la prima parola o la prima frase, ...

                                               

Interpretazione allegorica

L interpretazione allegorica è il tipo di interpretazione letteraria basata sulla riflessione, e non sullallegoria come potrebbe far intendere il nome. Una definizione dettagliata di essa ci è offerta da San Tommaso dAquino che afferma la differenza tra senso spirituale e senso letterale. Fu particolarmente in uso nel tardo medioevo e succedette allinterpretazione simbolica.