Indietro

ⓘ Poliandria




Poliandria
                                     

ⓘ Poliandria

La poliandria, composizione di poli- e -andria, derivante dal greco πολύανδρος, che indica "donna "che ha molti sposi" ", è il tipo di poligamia che si instaura tra un individuo di sesso femminile e due o più individui, della stessa specie, di sesso maschile. In etologia, il termine indica anche il comportamento di una femmina che, in una stagione, si accoppia con più maschi che collaborano ad allevare i cuccioli con le femmine.

Alla poliandria si contrappone la poliginia, nella quale un maschio si accoppia con due o più femmine. La poliandria si distingue dal matrimonio di gruppo, poiché questo coinvolge più partecipanti di ciascun sesso.

La poliandria è proibita dalla maggior parte delle confessioni religiose induiste e cristiane; inoltre non è riconosciuta legalmente nella maggior parte degli stati, compresi quelli che permettono la poliginia. Anche nelle culture dove è stata in auge, essa è ed è stata estremamente rara, e solo in particolari e limitate circostanze. In queste culture della poliandria, i mariti provenivano quasi sempre dalla stessa famiglia. La particolare forma di poliandria in cui una donna è sposata a due o più fratelli è nota come poliandria fraterna, e da molti antropologi è ritenuta la forma più frequente rilevata.

                                     

1. La poliandria nelle diverse società umane

Alcune iscrizioni sumere riportano che la poliandria precedentemente ammessa fu abolita dal re Urukagina; le donne che si sposassero con più di un uomo da quel momento dovevano essere colpite con sassi su cui andava inciso il crimine da loro compiuto.

La poliandria in Tibet era in passato una pratica comune e continua ancora oggi, anche se in proporzioni minori. La poliandria in India persiste oggigiorno allinterno di alcune minoranze, così come in Bhutan e nelle parti settentrionali del Nepal. La poliandria è stata praticata in molte zone dellIndia, come il Rajasthan, Ladakh, Zanskar, nella regione del Jaunsar-Bawar dello Stato dellUttarakhand, e tra gli appartenenti al popolo dei Toda nellIndia meridionale e dai Nishi dellArunachal Pradesh.

La poliandria è stata diffusa in Nigeria e prima del contatto con gli Europei anche in alcune società polinesiane anche se probabilmente solo tra le donne delle caste più elevate. È stato inoltre riscontrata nelle regioni cinesi dello Yunnan e del Sichuan, tra gli appartenenti al popolo dei Mosuo e in alcune popolazioni sub-sahariane come i Masai in Kenya e nel nord della Tanzania. così come allinterno di alcune comunità indigene americane. I Guanci, la prima popolazione conosciuta ad abitare le Isole Canarie, praticarono la poliandria fino alla loro scomparsa avvenuta per mano degli Spagnoli nel corso del XIV e XV secolo. La tribù degli Zoé, sul fiume Cuminapewa nello stato del Pará, Brasile, pratica la poliandria. Nel suo De Bello Gallico, Giulio Cesare riferisce che tra i Celti della regione del Cantium lodierno Kent, gli uomini hanno le donne in comune, suggerendo lesistenza della poliandria presso queste popolazioni. Cesare aggiunge inoltre che se nascono dei bambini, sono considerati figli delluomo che per primo si è unito alla donna.

                                     

1.1. La poliandria nelle diverse società umane Nella società moderna

Nelle società occidentali moderne il matrimonio poliandrico non è generalmente ammesso, ma di fatto la poliandria ed il poliamore sono relativamente diffusi.

Negli Stati Uniti un particolare nucleo familiare poliandrico composto da una donna e due uomini Jaiya, Jon e Ian, a cui si aggiunge un figlio che i tre crescono insieme, è stato attivo nella divulgazione di questa scelta attraverso i mass media.

                                     

1.2. La poliandria nelle diverse società umane Nelle religioni

La maggior parte delle religioni scoraggia o proibisce la poliandria. Uneccezione è probabilmente rappresentata dal paganesimo celtico, dato che in alcune società celtiche la poliandria era un fenomeno normale.

NellIslam la poliandria, esistente in determinati contesti culturali arabi preislamici, è stata rigorosamente vietata, in base a quanto previsto dalla Sūra IV del Corano versetti 22-24 che indica con precisione le persone con cui solo è lecito contrarre vincoli matrimoniali. È così caduta sotto tale cogente interdetto la pratica del nikāh al-istibdāʾ in arabo: ﻧﻜﺎﺡ ﺍلاﺳﺘﺒﺪﺍء ‎, con la quale una donna poteva, col consenso del marito malato o infertile farsi ingravidare da un altro uomo, prescelto insieme al marito in funzione delle sue qualità fisiche e intellettive. In quei casi il figlio così partorito entrava a far parte della famiglia della madre e del suo sposo, senza che il padre naturale potesse rivendicare alcun suo diritto.

La Bibbia Ebraica proibisce espressamente la poliandria. Se una donna è sposata qualsiasi forma di relazione sessuale con altri uomini, e quindi anche la poliandria, verrebbe considerata adulterio. Levitico 20.10 afferma che "Se uno commette adulterio con la moglie del suo prossimo, ladùltero e ladùltera dovranno esser messi a morte". Inoltre, i figli eventualmente nati da una tale relazione devono essere considerati illegittimi o meglio mamzer.

Le principali correnti del Cristianesimo odierno propugnano fortemente il matrimonio monogamico. A differenza della poligamia, la Bibbia proibisce espressamente la poliandria.

La poliandria è disapprovata nella maggior parte delle espressioni dellInduismo. Cè almeno un riferimento alla poliandria nel poema epico Mahābhārata: Draupadi sposa i cinque fratelli Pandava figli di Pandu. Allinterno dellopera la condizione di Draupadi viene semplicemente accettata, e non giudicata positivamente o negativamente. Più avanti nel poema, tuttavia, per bocca di Yudhisthira veniamo a conoscenza di altri due "casi celebri" di poliandria: questo potrebbe implicare una certa apertura della società indiana di allora verso la poliandria.



                                     

1.3. La poliandria nelle diverse società umane Le origini tribali della poliandria

Alcune forme di poliandria potrebbero essere associate alla necessità di conservare titoli aristocratici o proprietà agricole da parte di un certo gruppo familiare o tribale, o allassenza frequente e prolungata di un uomo dallambiente domestico. In Tibet la pratica della poliandria è stata particolarmente diffusa allinterno della classe sacerdotale dei Sakya, ma anche tra i contadini più poveri, con lo scopo di dividere il meno possibile i propri possedimenti tra una generazione e laltra. In questultimo caso, alcuni uomini vivevano a casa, mentre altri partivano per lungo tempo, in modo che fosse presente sempre solo un marito alla volta.

Si è ipotizzato che alla base della poliandria ci sia, in molti casi, una forte discriminazione di genere. Ad esempio laborto selettivo di feti femminili in India ha portato ad uno sbilanciamento del rapporto tra individui di sesso maschile e femminile nella popolazione, portando alla necessità da parte degli uomini di "condividere" una moglie. In alcune comunità isolate lusanza di sposare la stessa donna viene dalla necessità di ridurre lostilità tra uomini nellottenere lattenzione della donna.

                                     

1.4. La poliandria nelle diverse società umane Poliandria fraterna

La poliandria fraterna è una forma di poliandria in cui una donna viene sposata a due o più uomini fratelli fra loro. Chiamata anche adelfogamia, termine questo che include però altri significati.

La poliandria fraterna trova riscontro in alcune regioni del Tibet e Nepal, dove rappresenta una pratica comune a livello sociale. Il gruppo toda situato nellIndia meridionale pratica la poliandria fraterna, ma attualmente vi prevale la monogamia.

Nellattuale società induista, molti sociologi hanno espresso il timore di una costrizione critica della poliandria in un futuro non lontano, dovuto allaumento di tali tipi di matrimonio nelle società rurali di Malwa regione del Punjab onde evitare la spartizione ereditaria delle terre coltivate.

La poliandria fraterna raggiunge un obiettivo simile a quello della primogenitura nellInghilterra del XIX secolo. La primogenitura stabiliva che il figlio primogenito ereditasse la proprietà della famiglia, mentre i figli più giovani dovevano lasciare la casa paterna e cercare il loro impiego altrove. La primogenitura mantenne così le proprietà intatte per generazioni permettendo soltanto un erede per ogni generazione. La poliandria fraterna raggiunge un obiettivo del tutto simile, ma al contrario tiene legati insieme tutti i fratelli a ununica moglie in modo che vi sia solo un gruppo di eredi per ogni generazione.

                                     

1.5. La poliandria nelle diverse società umane Un fenomeno di difficile interpretazione

La poliandria è un argomento controverso tra gli antropologi. Ad esempio lantropologo della Pennsylvania Stephen Beckerman sottolinea che in almeno 20 società tribali è accettata la possibilità che un bambino abbia, e dovrebbe, avere più di un padre, come una forma di "paternità condivisa". Daltra parte, in Tibet, in cui si registrano i casi meglio documentati di poliandria, alcune tra le persone stesse che la praticano affermano che si tratta di una forma di matrimonio difficile da portare avanti.

In Tibet la poliandria è stata messa fuorilegge fin dallinizio del controllo cinese sullarea, rendendo difficile misurare lincidenza reale di questo fenomeno in quella che potrebbe altrimenti essere la società maggiormente poliandrica al mondo.

In altre parti del mondo le società indigene sono state drasticamente alterate o distrutte, quindi lincidenza passata della poliandria risulta a volte difficile da appurare. In India, tra i rifugiati tibetani in fuga dopo linvasione cinese del Tibet la poliandria è stata raramente riscontrata.



                                     

1.6. La poliandria nelle diverse società umane Africa

  • Anche i Tupi-Kawahib praticano la poliandria fraterna.
  • Nella regione dei laghi dellAfrica centrale la poliginia ci sono casi di poliandria.
  • Fino al 70% delle culture Amazzoniche potrebbe aver creduto nel principio della paternità multipla.
                                     

2. La poliandria nella zoologia

Nel campo dellecologia comportamentale la poliandria è un tipo di adattamento riproduttivo in cui una femmina si accoppia con più di un maschio. Il sistema riproduttivo opposto a questo è la poliginia, in cui un maschio si accoppia con più di una femmina.

La poliandria è stata correlata positivamente nei vari taxa al rapporto tra il peso dei testicoli e quello dellintero corpo. I testicoli umani sono più leggeri di quelli degli scimpanzé, compresi gli altamente promiscui bonobo, ma sono più pesanti di quelli dei gorilla degli oranghi.

Un tipico esempio di accoppiamento poliandrico è quello dei grillini, appartenente dellordine degli Orthoptera di cui fanno parte anche grilli e cavallette. Le femmine di queste specie si accoppiano con ogni maschio vicino ad esse, compresi i propri fratelli. Largamente praticata dalle rane in particolare da quelle della specie Rana dalmatina, la poliandria è stata anche documentata tra le puzzole ed altri mustelidi.

Anche molte specie di rettili praticano la poliandria, specialmente tra i membri della famiglia delle testudinidi. È da attribuirsi alla poliandria e alla loro capacità di conservare lo sperma per un certo periodo di tempo levidenza che le tartarughe femmine producono uova caratterizzate da paternità multipla. Prevedibilmente, questi cuccioli hanno mostrato un aumento della variabilità genetica se confrontati a quelli generati da un singolo maschio. La paternità condivisa è il risultato della capacità delle femmine di conservare lo sperma tra un ciclo riproduttivo e laltro, così come dimostrato dal ritrovamento di sperma di vari maschi allinterno dellapparato genitale di tartarughe femmine. Come risultato di una maggiore variabilità nei geni paterni e della maggiore competizione tra gli spermatozoi, le femmine possono massimizzare sia la qualità genetica che il numero dei discendenti. La paternità multipla è quindi considerata unefficace strategia per aumentare il successo riproduttivo e la fitness delle femmine di tartaruga.

Alcuni dei taxa con unorganizzazione sociale complessa manifestano eusocialità, nel senso che una singola femmina ad esempio lape regina o casta produce la prole mentre gli altri organismi ad esempio le api operaie cooperano nella cura dei piccoli. Esempi di eusocialità tra i mammiferi comprendono il ratto talpa del Damaraland e leterocefalo glabro conosciuto come "ratto senza pelo", tra i quali la poliandria è la norma e la poliginia non è stata mai osservata. Le femmine di eterocefalo glabro competono per lo status di Regina o "femmina alfa".

Comunemente nella riproduzione canina, e felina gli ovuli vengono fecondati durante lo stesso ciclo estrale da vari maschi, di modo che la cucciolata presenta più di un padre. Questo fenomeno, detto superfecondazione eteroparentale un tipo specifico di superfetazione, è molto raro nella riproduzione umana, ma è documentato. In uno studio sugli esseri umani è stata riscontrata una frequenza del 2.4% tra gemelli dizigoti i cui genitori erano coinvolti in cause di riconoscimento di paternità.

Molte delle teorie che cercano di spiegare lovulazione nascosta negli umani ed in altri organismi si basano su fenomeni in cui è coinvolta la poliandria.

Secondo Gordon G. Gallup, la forma del pene umano indica una storia evolutiva caratterizzata dalla poliandria. I maschi umani si sono evoluti fino a possedere un glande a forma di cuneo in maniera da poter estrarre lo sperma di altri maschi dalla cervice in maniera da escluderli dalla competizione spermatica.

Allinterno delle teorie sul conflitto sessuale, il biologo francese Thierry Lodé ha trovato una possibile spiegazione per la poliandria basata sulla competizione tra partner sessuali e sullobiettivo di evitare lendogamia la riproduzione tra individui strettamente consanguinei.

  • Aumenta la competizione tra spermatozoi.
  • Le femmine possono ricevere offerte di cibo da diversi maschi, che utilizzano questa strategia per incentivare la copulazione.
  • La paternità della prole è sconosciuta e questo può migliorare ed incoraggiare cure genitoriali comuni e scoraggiare linfanticidio da parte dei maschi.
  • Implica una maggiore variabilità genetica allinterno della prole, come nel caso delle api, in cui la variabilità genetica si traduce in una maggiore efficienza degli individui nella realizzazione dei propri compiti, a favore dellintero alveare.
  • Aumenta le possibilità di successo riproduttivo.

La poliandria è stata riscontrata inoltre in alcuni primati, come quelli del gruppo delle marmose, nei marsupiali del genere Antechinus, nei bandicoot, nelle balene, nell1% circa di tutte le specie di uccelli come quelli della famiglia Jacanidae le passere scopaiole, le api ed i pesci pipa Syngnathinae. Anche le femmine di cammello si accoppiano con più maschi.

                                     

2.1. La poliandria nella zoologia La poliandria nelle scimmie del Nuovo Mondo

È stato osservato che alcune scimmie del Nuovo Mondo, come il tamarino di Goeldi, vivono in gruppi poliandrici. Anche se un singolo gruppo può avere al suo interno più di una femmina, la femmina dominante sopprime lovulazione in quelle subordinate, in modo da rimanere lunica capace di riprodursi. Una femmina di tamarino di Goeldi da alla luce normalmente più di un discendente alla volta, e i suoi ovuli sono fecondati separatamente da più di un maschio. Le cure paterne sono molto forti tra i tamarini di Goeldi; i maschi portano spesso i piccoli sulle loro schiene anche se non sono i loro padri. È stato suggerito che i partner sessuali comuni delle femmine siano parenti tra di loro, e che sia per questo che i maschi cooperano tra di loro nella cura dei figli; tuttavia i ricercatori hanno tracciato i tamarini di Goeldi, scoprendo che alcuni maschi migrano verso altri gruppi di scimmie, e si prendono cura successivamente di piccoli senza intrattenere alcun legame di parentela con essi. È stato anche suggerito che le femmine selezionino maschi con tendenza alla cooperazione, e che la prole dei tamarini di Goeldi richieda cure paterne multiple per sopravvivere.

Le ricerche suggeriscono attualmente che la poliandria è la struttura sociale dominante nelle scimmie del Nuovo Mondo della subfamiglia Callitrichidae.

La famiglia dei Callitrichidae include le marmose e i tamarini, due gruppi di piccole scimmie del Nuovo Mondo del Sud America. In natura vivono in gruppi composti da tre a dieci individui, con una sola femmina coinvolta nella riproduzione, uno o più maschi riproduttivi, e vari aiutanti di ambo i generi senza alcun ruolo nella riproduzione. Allinterno della stessa popolazione possono esserci gruppi basati sulla poliandria, sulla monogamia o sulla poliginia, e un gruppo può perfino passare da una tendenza allaltra, rendendo questo il sistema riproduttivo più flessibile mai riscontrato tra i primati non umani. A differenza della maggior parte dei primati, che danno luce a un piccolo alla volta, due gemelli rappresentano la figliata tipica per i tamarini le marmose. Lintero gruppo partecipa nella cura della prole, condividendo le responsabilità relative al trasporto, al nutrimento e alla pulizia. La presenza di aiutanti non coinvolti nel processo di riproduzione sembra essere il fattore più importante nel determinare quale sistema di accoppiamento sia utilizzato, dato che non è stata riscontrata una correlazione tra il sistema di accoppiamento e fattori ecologici ed ambientali. Goldizen 1987 ha proposto lipotesi che la monogamia nelle Callitrichidae si sviluppa solo in gruppi dotati di individui non-riproduttivi presposti a partecipare alla cura della prole, e che in assenza di questi aiutanti la poliandria assicura un successo riproduttivo più alto rispetto alla monogamia. In effetti, negli studi sui tamarini dal dorso bruno, non è stata mai trovata una coppia monogamica isolata che abbia tentato un ciclo riproduttivo.

                                     

2.2. La poliandria nella zoologia Sociobiologia della poliandria

Il termine ha raggiunto un certo uso nella sociobiologia, in cui si riferisce analogamente a un sistema di riproduzione in cui una femmina forma legami più o meno permanenti con più di un maschio. Questo accade in due diverse maniere. In un caso, esemplificato dalle jacana spinosa, ed in alcuni uccelli non volanti, la femmina ed il maschio assumono lo stesso ruolo in una sorta di sistema poliandrico-poliginico, controllando un certo territorio in cui molti maschi nidificano. Di conseguenza, la femmina depone uova in tutti i nidi, e partecipa poco alle cure parentali. Nellaltro tipo, esemplificato dalla poiana delle Galàpagos, due o più maschi che non sono necessariamente imparentati ed una femmina si prendono cura collettivamente di un singolo nido. Questultima situazione si avvicina alla tipica poliandria paterna praticata dagli umani.

Dal punto di vista delle risorse queste due forme riflettono due diverse situazioni: la poliandria caratterizzata dalle cure parentali comuni si adatta meglio agli ambienti difficili, dove cè bisogno dello sforzo di più di due genitori per allevare i piccoli con successo.

Si pensa che le api siano poliandriche perché una regina si accoppia tipicamente con vari maschi, anche se laccoppiamento è in effetti lunica interazione che hanno il maschio muore, e la femmina immagazzina lo sperma per fertilizzare i propri ovuli.

La poliandria nei mammiferi ed in altri animali viene normalmente correlata al caso di dimorfismo sessuale in cui le femmine sono più grandi dei maschi. Quando i maschi di una certa specie sono molto più grandi delle femmine, viene normalmente praticata la poliginia. Man mano che la differenza diminuisce, o nei casi in cui le femmine sono più grandi dei maschi, è più probabile che una specie pratichi la monogamia o la poliandria. Le grandi scimmie sono dimorfiche, ed il caso con maggiore dimorfismo è rappresentato dai gorilla. Gli scimpanzé e i bonobo vivono in società promiscue in cui sia i maschi che le femmine si accoppiano con vari partner. Nel caso in cui solo poche femmine vanno in calore, i maschi del gruppo si accoppiano solo con esse, creando una forma flessibile di poliandria. Negli scimpanzé, tuttavia, nel caso in cui il maschio alfa è sufficientemente potente, egli scoraggia gli altri maschi a tentare di accoppiarsi, instaurando una forma seppur poco stabile di poliginia. Gli scimpanzé e i bonobo presentano lievi forme di dimorfismo sessuale; nel caso dei bonobo, si riscontra un sistema matriarcale nonostante le femmine siano leggermente più piccole dei maschi. I gorilla praticano una vera e propria forma di poliginia in cui un maschio particolarmente grande viaggia con varie femmine ed i loro piccoli, ed è lunico ad accoppiarsi con esse. Anche se gli oranghi sono tipicamente solitari, è stato riscontrato che numerose femmine costruiscono i propri nidi allinterno del territorio di un certo maschio adulto e si accoppiano più spesso con questo maschio che con altri, rappresentando ciò una forma di poliginia. Maschi e femmine di gibbone hanno dimensioni simili e formano coppie monogamiche. Nel caso degli esseri umani cè meno dimorfismo sessuale tra maschi e femmine che nelle altre grandi scimmie, se la monogamia e la poliginia rappresentano i sistemi più diffusi, si riscontrano anche casi di poliandria e promiscuità.

I rapaci, che mostrano un diverso tipo di dimorfismo sessuale la femmina è infatti più grande del maschio, tendono ad essere monogamici per lunghi periodi o si accoppiano con lo stesso individuo per tutta la vita. Ma alcune specie come il nibbio americano scelgono un nuovo compagno ogni anno;la poliginia è stata notata in molte albanelle, e la poliandria è stata osservata nella poiana di Harris conosciuta per essere lunico rapace che vive e caccia regolarmente in famiglie e gruppi sociali e nella precedentemente menzionata poiana delle Galàpagos.