Indietro

ⓘ Sensibilità chimica multipla




                                     

ⓘ Sensibilità chimica multipla

La sensibilità chimica multipla è un termine creato da alcuni medici statunitensi che affermano di aver identificato un nuovo tipo di malattia, a loro dire causata dal moderno stile di vita. Questa malattia consisterebbe nellimpossibilità di tollerare un certo ambiente chimico o una certa classe di sostanze.

La diagnosi di MCS e lesistenza stessa della patologia sono fortemente dubbie e controverse: alcune delle principali società medico-scientifiche statunitensi hanno escluso la sua natura organica ed è stato rilevato che si tratta frequentemente di sintomatologie psicosomatiche e psicologiche di tipo somatoforme con forti componenti di stress ed autosuggestione.

Per lOrganizzazione mondiale della sanità si tratta di una condizione patologica assimilabile allelettrosensibilità, cioè priva di evidenti basi tossicologiche o fisiologiche e di verifiche indipendenti.

Il Ministero della Salute italiano la definisce come "un disturbo cronico, reattivo all’esposizione a sostanze chimiche, a livelli inferiori rispetto a quelli generalmente tollerati da altri individui, e in assenza di test funzionali in grado di spiegare segni e sintomi" la cui "reale esistenza e definizione. è oggetto di ampio dibattito a livello scientifico".

                                     

1. Epidemiologia e cenni storici

Lallergologo Theron G. Randolph 1906-1995 fu il primo ad ipotizzare lesistenza della malattia, annoverandone tra le possibili cause lesposizione a prodotti chimici sintetici ed una possibile "saturazione" del corpo umano per una continua esposizione ad essi; questa teoria non ha trovato però fondamento scientifico poiché reazioni allergiche provocate da minime dosi di composti chimici vanno contro il principio di correlazione tra dose ed effetto.

Inoltre la ricerca clinica ha dimostrato lalta prevalenza di disturbi somatoformi in coloro che credono di essere affetti dalla presunta MCS.

La varietà e la genericità dei sintomi di cui dichiarano di soffrire le persone cui è stata diagnosticata una presunta MCS contribuisce a renderne ulteriormente dubbia la sua esistenza, almeno come patologia organica riconoscibile: non esistono infatti due pazienti che presentano i medesimi sintomi o la medesima risposta ad una stessa sostanza o situazione.

Nel 2007 la Regione Emilia-Romagna ha aperto a Bologna un centro regionale, presso il Policlinico SantOrsola-Malpighi, per la realizzazione di percorsi personalizzati di diagnosi e cura delle persone soggette a MCS, specificando però come non esistessero evidenze scientifiche "sufficienti alla definizione di un protocollo diagnostico e di follow up per i pazienti", e ha inserito la sensibilità chimica multipla nellelenco regionale delle malattie rare; si è poi costituito un ente interdisciplinare tra Emilia-Romagna e Toscana, con lo scopo di approfondire lo studio della MCS.

A livello nazionale è stata istituita presso lIstituto Superiore di Sanità una task force per revisionare la letteratura scientifica e produrre un documento relativo al percorso assistenziale; il Consiglio Superiore di Sanità, valutato il documento redatto dallISS, ha espresso un parere ufficiale il 30 settembre 2008.

In esso definiva che la MCS non si caratterizza come entità nosologicamente individuabile, date le scarse evidenze scientifiche; che essa non può essere considerata malattia rara, vista la prevalenza dei sintomi tra il 2 e il 10% della popolazione; che il Servizio Sanitario Nazionale sia già in grado di fornire assistenza adeguata ai soggetti che mostrano i sintomi di intolleranze allesposizione a sostanze chimiche attraverso le cure primarie e specialistiche esistenti nellambito dei Livelli Essenziali di Assistenza garantiti a tutti i cittadini.

La MCS è stata pertanto depennata dallelenco regionale delle malattie rare, ma lambulatorio bolognese è stato mantenuto e offre esami di laboratorio e specialistici, supporto psicologico, terapie farmacologiche finalizzate al trattamento della sintomatologia.

Anche la Regione Lazio ha attivato un centro di riferimento per la MCS, presso il Policlinico Umberto I.

                                     

2. Eziologia

Le reali esistenza ed eziologia della MCS sono ancora oggetto di dibattito: la diagnosi di MCS viene spesso applicata a persone che presentano sintomi singolarmente riconducibili ad allergie convenzionali, infezioni o reazioni psicosomatiche allo stress.

                                     

2.1. Eziologia Origine psicologica

La comunità scientifica, in base agli studi attualmente disponibili, ritiene che la MCS sia un disturbo di natura psicosomatica, vista lelevata presenza di pazienti con problematiche psicologiche o di comuni allergie tra coloro che si autodefinivano affetti da MCS; è stata rilevata unincidenza di sintomatologie psichiatriche in circa il 75% dei pazienti che credevano o autodichiaravano di soffrire di MCS.

In alcuni studi si è osservato che i pazienti non hanno avuto le manifestazioni allergiche quando sono stati inconsapevolmente esposti alle sostanze cui ritenevano di essere allergici, mentre hanno avuto reazioni allergiche dopo esposizione a sostanze inerti aria purificata, soluzioni saline volutamente loro presentate come la sostanza ritenuta allergenica effetto nocebo.

Sembra emergere quindi che in molti casi i disturbi siano correlati solo ad una "percezione soggettiva" di esposizione e a fattori psicologici con forti componenti di stress e autosuggestione, più che ad unesposizione effettiva ed in altri casi i sintomi siano semplicemente attribuibili a comuni forme allergiche.



                                     

2.2. Eziologia Sostanze chimiche

Molte sostanze chimiche sono indicate come attivatori dei sintomi della MCS, in particolare quelle emananti forti odori; queste sostanze includono detergenti, pesticidi, profumi, gas di scarico dei veicoli, prodotti utilizzati in negozi di barbiere e saloni di bellezza, tappeti nuovi, mobili nuovi, cloro in acqua, inchiostro, farmaci, coloranti e meno comunemente fumo di legna e di tabacco.

Uno studio riporta che le persone che soffrono di MCS potrebbero avere una disfunzione neurologica nelle zone dedicate allelaborazione dellodore nel cervello. In una percentuale di pazienti l’ipotesi tenuta in maggior considerazione, scartata quella di un problema di tipo psichiatrico, è che la malattia sia causata da una ridotta capacità di metabolizzazione delle sostanze xenobiotiche a causa di una carenza genetica o della rottura dei meccanismi enzimatici di metabolizzazione a seguito della esposizione tossica.

                                     

2.3. Eziologia Altre ipotesi sulla patogenesi

Secondo la teoria elaborata da Randolph, nel tempo il corpo umano potrebbe essere saturato dalla continua esposizione a piccole dosi di prodotti chimici, fino a quando la tolleranza verso di essi verrebbe annullata creando una condizione in cui anche ulteriori minime tracce di sostanze sarebbero in grado di scatenare una reazione allergica. Questa posizione personale di Randolph non trova però riscontro nelle conoscenze mediche, cliniche e scientifiche: infatti è noto da tempo che esistono sostanze capaci di accumularsi nei grassi o nei tessuti dellorganismo, ad esempio il mercurio, senza in genere causare allergie, bensì danni agli organi in cui si accumulano o che sono deputati alla loro rimozione, ad esempio il fegato o i reni.

Unipotesi esplicativa differente dei presunti sintomi di sensibilizzazione è stato proposto da H.R. Eriksen e da H. Ursin in un articolo pubblicato nellaprile 2004. Essi propongono il termine subjective health complaints "disturbi soggettivi della salute" per la MCS e per numerose altre condizioni altrettanto vaghe come la spossatezza, il dolore muscolo-scheletrico cronico, il dolore lombare, la sindrome da affaticamento cronico e la fibromialgia. Secondo Eriksen e Ursin "questi disturbi sono basati su sensazioni che per la maggior parte delle persone rientrano tra i normali processi fisiologici; in alcuni individui queste sensazioni diventano intollerabili, in alcuni casi manifestandosi per via psicosomatica, in altri casi no".

                                     

3.1. Clinica Segni e sintomi

Tra i sintomi lamentati, solitamente aspecifici, si annoverano i seguenti:

  • difficoltà digestive, dispepsia, nausea, indigestione, bruciore di stomaco, vomito, diarrea
  • senso di affaticamento astenia acuta o cronica e letargia
  • dolore ai muscoli mialgia e alle articolazioni artralgia, spasmofilia: crampi muscolari, spasmi, mioclonie, fascicolazioni benigne, tremori muscolari, nistagmo, paresi transitoria con spasticità
  • emicrania
  • ipersensibilità alle fragranze vegetali terpeni
  • disturbi urinari
  • difficoltà respiratorie, dolori toracici, sintomi allergici e asma
  • irritazione della pelle, dermatiti da contatto, orticaria, prurito ed altre forme di eruzione cutanea
  • senso dellolfatto ipersensibilizzato verso alcuni odori, in assenza o presenza di rinite
  • multiple intolleranze a cibi, più o meno clinicamente identificabili, ad esempio intolleranza al lattosio, sensibilità al glutine e celiachia, a crostacei, noci, arachidi e nocciole, ecc.
  • "annebbiamento mentale" amnesia a breve termine, disfunzioni cognitive
  • vertigine e capogiro
  • modificazioni della personalità acute ed improvvise


                                     

3.2. Clinica Risvolti psicologici

In vari studi si evidenza che circa la metà dei pazienti che ricercano un trattamento curativo per i sintomi della MCS presenta anche i sintomi tipici della depressione e di uno stato ansioso. Poiché gran parte di queste persone elimina molte categorie di cibo nel tentativo di ridurre i sintomi da MCS è difficile focalizzare le ricerche sulla dieta di questi soggetti

                                     

4. Trattamento

Luso di alcuni farmaci antidepressivi è stato di netto giovamento in alcuni casi, ma una validità generale di questi trattamenti è ancora da stabilire.

Di solito si attua un trattamento sintomatico della sindrome, anche cercando di evitare le sostanze scatenanti, se in effetti vi è correlazione. Si possono assumere integratori di supporto psicofisico come la vitamina C o anti-allergici antistaminici e cortisonici.

                                     

5. Esposizione eccessiva a campi elettromagnetici

La OMS assimila la Sensibilità chimica multipla alla elettrosensibilità. Per questultima rileva che studi ben controllati hanno mostrato come i sintomi non sono causati dai campi elettromagnetici e che ci sono alcune indicazioni che questi sintomi sono dovuti a preesistenti condizioni psichiatriche e stress o sono causati dalla stessa paura dei campi elettromagnetici.

                                     
  • Multi cloning site sito di multi clonaggio Multiple chemical sensitivity sensibilità chimica multipla MCS azienda di abbigliamento MCS codice aeroportuale
  • l asma, la fibromialgia, l eczema, la rosacea, la distonia, e la sensibilità chimica multipla Nell emicrania, la stimolazione del nervo trigemino provoca
  • malattia definita l allergia del ventesimo secolo Soffre di sensibilità chimica multipla che la porta ad avere forti attacchi di asma e che indeboliscono
  • esoteriche da essa derivò la chimica moderna in seguito alla rivoluzione scientifica, e più precisamente alla rivoluzione chimica alla fine del XVIII secolo
  • una consistente comunità di persone soffre della sindrome di sensibilità chimica multipla Snowflake ha un clima con quattro stagioni ben definite con
  • disosmie, presbiosmie, iperosmia e respiratorie, tra queste l MCS Sensibilità Chimica Multipla Nel 2017 è stato finanziato dalla Regione Puglia un cluster
  • Sclerosi Multipla su aism.it. Lega Italiana Sclerosi Multipla su lism.it. Società svizzera sclerosi multipla su sclerosi - multipla ch. Multiple Sclerosis
  • sindromi clinicamente inspiegabile come la fibromialgia e la sensibilità chimica multipla La sensibilizzazione può anche contribuire a disturbi psicologici
  • intensità dello stesso. È un concetto che trova largo impiego in chimica soprattutto in chimica analitica. È l intervallo di validità della dipendenza funzionale
  • Water - Damaged Buildings PDF PDF su policyholdersofamerica.org. Qualità dell aria interna Sensibilità chimica multipla Disturbo da somatizzazione