Indietro

ⓘ Domagnano




Domagnano
                                     

ⓘ Domagnano

Domagnano è un castello della Repubblica di San Marino di 3.265 abitanti ed unestensione di 6.62 km².

                                     

1. Geografia fisica

Comprende il territorio compreso tra il crinale dellAusa, de Il Rio, tributario dellAusa stesso e quello del Fiumicello, tributario del Marano fino a Torraccia. Il punto più elevato del territorio nei pressi del centro abitato di Domagnano a 357 metri daltezza. Confina con i castelli di Faetano, Borgo Maggiore e Serravalle e con il comune italiano di Coriano, in provincia di Rimini. Le sue coordinate sono 43° 56 52 N, 12° 28 8 E.

                                     

2. Etimologia

Il nome Domagnano deriva forse dal nome latino Domenianus che significa fondo patronale oppure da Omagnano, che ricorda i "magnani", che erano coloro che lavoravano i metalli.

                                     

3. Storia

Abitato fin dallepoca romana, il cui nome era Domenianus. Sul suo territorio sorgeva la fortezza dei Malatesta di Monte Lupo, nel 1463 fu occupato dai sammarinesi. Nel 1892-1893 in località Paderna vi fu trovato il Tesoro di Domagnano, in gran parte conservato al British Museum di Londra Regno Unito.

                                     

4. Sport

La locale squadra di calcio, il Football Club Domagnano, è la più titolata di San Marino: ha vinto 4 campionati sammarinesi, 8 Coppe Titano e 3 coppe federali. Vanta anche alcune partecipazioni alla Coppa UEFA. Nel castello ha anche sede il Rugby Club San Marino che però si allena e gioca le sue partite a Chiesanuova.

                                     

5. Infrastrutture e trasporti

Ferrovie

Dal 1932 al 1944 ha operato la Ferrovia Rimini-San Marino, a scartamento ridotto, completamente finanziata dallItalia fascista di Benito Mussolini, in seguito alla stipula di una convenzione 1927 di esercizio fra i due stati. Fu distrutta il 26 giugno 1944 dai bombardamenti della Desert Air Force durante la Seconda guerra mondiale e smantellata fra il 1958 e il 1960.